Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Malattia oltre periodo comporto: trattamento economico

12 Gennaio 2017 | di Luca Furfaro

Malattia

Un'azienda del settore Lapidei Artigiani ha un lavoratore in malattia dal 04/10/2015 a tutto il 31/10/2016, regolarmente coperto da certificazione medica. In data 27/09/2016 è scaduto il periodo di comporto per sommatoria previsto dal CCNL, tuttavia l'azienda procede con il licenziamento per superamento del suddetto periodo solo in data 31/10/2016. Relativamente al trattamento economico, premesso che in data 30/06/2016 è cessata l'indennità conto INPS per termine dei 180 gg indennizzabili e che l'azienda ha integrato la retribuzione per i complessivi “fino a 270 gg” come da CCNL di settore, si chiede se ed eventualmente in quale misura l'azienda debba intervenire economicamente per il periodo dal 271° giorno al 31/10/2016, data di fine del rapporto di lavoro.

Leggi dopo

Trasferta, spese e indennità

11 Gennaio 2017 | di Luca Furfaro

Trasferta

Un’azienda di impiantistica industriale con contratto metalmeccanico industria, avente sede a Salerno e cantieri lavorativi sparsi per l'Italia, ha accettato un lavoro a Trieste con durata di un anno. Ai dipendenti con residenza a Salerno è stata fatta una proposta di trasferimento temporaneo al nord, che loro hanno accettato; nell'accordo è stato indicato che continueranno a svolgere le stesse mansioni ed a percepire lo stesso trattamento economico indicato nella lettera di assunzione, in quanto tutte le spese di viaggio, vitto e alloggio saranno a carico della società e sulla busta paga non è stata riconosciuta l'indennità di trasferta. È legittimo tale comportamento o l'azienda deve riconoscere in busta paga anche l'indennità di trasferta, oltre a sobbarcarsi tutte le spese per il trasferimento, vitto e alloggio di tali dipendenti?

Leggi dopo

Cooperative sociali e quota di riserva

09 Gennaio 2017 | di Luca Furfaro

Assunzioni obbligatorie

Le cooperative sociali di tipo A, che hanno il compito di gestire servizi sociali educativi e che per farlo non si avvalgono di lavoratori svantaggiati, rientrano tra le organizzazioni che senza scopo di lucro operano nel campo della solidarietà sociale, dell'assistenza e della riabilitazione e quindi, ai fini dell'obbligo delle assunzioni dei disabili, calcolano la quota di riserva esclusivamente con riferimento al personale tecnico esecutivo svolgente funzioni amministrative?

Leggi dopo

Collaboratore familiare di Srl unipersonale: retribuzione

05 Gennaio 2017 | di Luca Furfaro

Impresa familiare

L’unico amministratore ed unico socio di una Srl uninominale, svolgente l'attività commerciale di Bar, ha inserito nell'attività lavorativa il figlio maggiorenne come collaboratore familiare, agganciandolo alla sua personale posizione INPS nella gestione previdenziale dei commercianti e pagando, così, sia i contributi previdenziali INPS che gli oneri assicurativi INAIL per la sua posizione lavorativa all'interno dell'azienda. Trovata la collocazione previdenziale e assicurativa per il figlio del legale rappresentante della società all'interno dell'azienda, come possono essere giustificati a livello fiscale i compensi che mensilmente il figlio dovrà percepire per il lavoro svolto all'interno dell'azienda: attraverso una "busta paga", inserendo come imponibile il compenso stabilito fra padre e figlio, decurtandolo degli oneri fiscali di sua competenza (ma non previdenziali in quanto iscritto nella gestione dei commercianti)? Il tutto giustificato da apposito verbale che verrà trascritto nei relativi libri sociali della società o non vi è possibilità di detrarre questo compenso?

Leggi dopo

S.a.s. e lavoro subordinato dei familiari

04 Gennaio 2017 | di Luca Furfaro

Lavoro dipendente e subordinazione

Una S.a.s. del settore terziario-commercio, composta da un socio Accomandatario con quota sociale del 30% e da un socio Accomandante al 70%, intende assumere alle proprie dipendenze il genitore del socio Accomandatario, facente parte di un nucleo familiare a parte, e il genitore del socio Accomandante, facente invece parte dello stesso nucleo familiare dell'Accomandante. Ai fini previdenziali possono essere riconosciuti come dipendenti o vengono considerati collaboratori?

Leggi dopo

Trasferta autotrasportatori: regime fiscale delle indennità

02 Gennaio 2017 | di Luca Furfaro

Trasferta

Una società che svolge l'attività di trasporto merci corrisponde mensilmente ai propri dipendenti, con mansioni di autista di autoarticolati, le relative indennità di trasferta. Come devono essere considerate tali indennità: esenti al 50% come per i trasfertisti oppure esenti al 100% (con i limiti di esenzione per trasferta Italia e trasferta estero)?

Leggi dopo

Mance camerieri e reddito di lavoro dipendente

30 Dicembre 2016 | di Luca Furfaro

Busta paga

Le mance pagate volontariamente dai clienti di un ristorante tramite bancomat o carta di credito, e ripartite dal datore di lavoro tra i dipendenti, devono essere inserite in busta paga e considerate reddito di lavoro dipendente assoggettato a contributi ed imposte?

Leggi dopo

Contestazione disciplinare e avvenuta giacenza

29 Dicembre 2016 | di Luca Furfaro

Contestazioni disciplinari

In caso di una contestazione disciplinare inviata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno che risulti in giacenza presso l'ufficio postale, quando si considera conosciuta e quindi da quando bisogna far decorrere i termini per la presentazione delle giustificazioni? E in caso di licenziamento?

Leggi dopo

Ripetizione dell’agevolazione ex legge n. 407/90

22 Dicembre 2016 | di Luca Furfaro

Contributi previdenziali

Può essere applicato, più volte, lo sgravio contributivo di cui alla legge n. 407/90 su uno stesso soggetto che lavora all'interno di una ditta, la quale ha già usufruito dello sgravio contributivo per il medesimo lavoratore?

Leggi dopo

Fondo di Tesoreria INPS: requisito occupazionale e obbligo di versamento

21 Dicembre 2016 | di Luca Furfaro

Trattamento di fine rapporto

Un'azienda costituita nell'anno 2003, che ha assunto il primo dipendente nell'anno 2007, e che al 31.12.2016 ha una media di dipendenti superiore a 50, deve versare il TFR al Fondo di Tesoreria INPS dal 2017 oppure la media resta sempre quella del 2006?

Leggi dopo

Pagine