News

News

Sanzioni per ritardato od omesso versamento: calano gli interessi

09 Settembre 2014

Contributi previdenziali

Alla luce della recente decisione della BCE di ridurre di 10 punti base il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema, la Circolare INPS n. 103/2014 ridefinisce sia i tassi applicabili in caso di versamento contributivo rateizzato o differito, sia la misura delle sanzioni civili per versamento ritardato od omesso.

Leggi dopo

Committenti: emissione comunicazione debitoria 2013

08 Settembre 2014

Gestione separata INPS

L’INPS, con Messaggio n. 6859 del 5 settembre, ha reso noto che sono in fase di pubblicazione, alla voce “Cassetto Previdenziale per Committenti della Gestione Separata” del sito dell’Istituto, le situazioni debitorie delle aziende committenti che, per l’anno 2013, hanno denunciato pagamento di compensi agli iscritti alla GS. La pubblicazione della comunicazione sul Cassetto è anticipata da un messaggio di alert all’azienda.

Leggi dopo

Assenze a “macchia di leopardo” e scarso rendimento: provvedimento legittimo

08 Settembre 2014

Licenziamento individuale

Legittimo il licenziamento per giustificato motivo oggettivo nei confronti di un lavoratore ripetutamente assente per malattia e solito unire le assenze ai giorni di riposo, tanto da fornire una prestazione inadeguata e insufficiente a livello produttivo. Così la Cassazione nella sentenza n. 18678/2014.

Leggi dopo

Come procede il Piano italiano di Garanzia per i Giovani?

08 Settembre 2014

Youth Guarantee

Il Ministero del Lavoro, con Comunicato Stampa, diffonde il 17° report settimanale di monitoraggio sulla Garanzia Giovani, il Piano europeo per la lotta contro la disoccupazione giovanile al quale hanno aderito finora 179.439 italiani e stranieri residenti in Italia.

Leggi dopo

Nessun comportamento abnorme del dipendente: risponde il datore

08 Settembre 2014

Infortuni sul lavoro

Nella sentenza n. 18786, depositata il 5 settembre, la Suprema Corte ravvisa la responsabilità del datore di lavoro in caso di infortunio del dipendente caduto da una scala per montare una tenda: non si ravvisa la natura elettiva del rischio e non sussiste, quindi, l’interruzione del nesso eziologico tra prestazione ed attività assicurata.

Leggi dopo

Periodo di comporto ampiamente superato, la conciliazione non è obbligatoria

05 Settembre 2014

Licenziamento individuale

Nelle ipotesi in cui il licenziamento discenda dal mero verificarsi di una condizione, quale il superamento del limite massimo dei giorni di malattia, non è obbligatorio esperire il tentativo di conciliazione.

Leggi dopo

Indennità supplementare, calcolo della detrazione al lordo o al netto?

05 Settembre 2014

Dipendenti retribuzioni e contributi

Dal calcolo di quanto il lavoratore deve restituire al datore per importi retributivi indebitamente percepiti, vanno escluse le ritenute fiscali e i contributi previdenziali: è il datore a doverne chiedere il rimborso. Così la Cassazione con sentenza n. 18674, depositata ieri.

Leggi dopo

Assunzioni a tempo indeterminato nelle scuole, pubblicato il Decreto

05 Settembre 2014

Lavoro dipendente e subordinazione

Pubblicato sulla G.U. di ieri il D.P.R. 27 giugno 2014, con il quale viene concessa l’Autorizzazione al MIUR ad assumere a tempo indeterminato unità di personale ATA e docenti da destinare al sostegno degli alunni con disabilità.

Leggi dopo

Contributo per il Fondo di solidarietà residuale, niente more per gli arretrati

04 Settembre 2014

Lavoro dipendente e subordinazione

Non sarà dovuta alcuna mora per chi pagherà entro novembre il contributo di solidarietà dovuto per il periodo gennaio-settembre: lo ha chiarito Mauro Nori, direttore generale dell’INPS, dando seguito alla recente Circolare n. 100/2014 avente ad oggetto il finanziamento del Fondo.

Leggi dopo

Il datore non può essere condannato a remunerare due volte la stessa prestazione

04 Settembre 2014

Retribuzione

La Cassazione, con la sentenza n. 18561/2014 depositata il 3 settembre, torna ad affermare il principio per cui – a prescindere dal giudizio circa la natura autonoma o subordinata del rapporto – il datore non può essere comunque condannato a remunerare due volte la medesima prestazione.

Leggi dopo

Pagine