Focus

Focus

Pacchetto pensioni: le novità

18 Ottobre 2016 | di Daniele Bonaddio

Pensioni

Il 28 settembre scorso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e le OO.SS. hanno sottoscritto il verbale che sintetizza il percorso di lavoro svolto da maggio in merito agli interventi urgenti da adottare in campo previdenziale, meglio noto come “pacchetto pensioni”. Nel corso della scorsa settimana è poi stata pubblicata la bozza di Legge di Bilancio, la quale ha indicato in maniera più certa quali sono i temi che verranno discussi nei prossimi mesi nelle aule parlamentari. Gli interventi, volti a favorire l’equità sociale, ad aumentare la flessibilità delle scelte individuali, ad eliminare gli ostacoli alla mobilità lavorativa e a sostenere i redditi da pensione più bassi, sono stati suddivisi in due fasi: • la prima contiene interventi che saranno varati subito, con la prossima legge di bilancio, per Ape agevolato e lavoratori precoci; • la seconda che riguarda interventi strutturali più complessi, rispetto ai quali il confronto con le parti sociali dovrà proseguire per i necessari approfondimenti.

Leggi dopo

Dagli uffici di collocamento all'Anpal e dalle politiche del lavoro passive a quelle attive

13 Ottobre 2016 | di Piero Righetti

Agenzia per il lavoro – ANPAL

Quello della disoccupazione in Italia è, da sempre, uno dei principali problemi da risolvere, soprattutto nei periodi di crisi economica e produttiva, italiana ed internazionale, qual è quello che stiamo attraversando. È proprio ciò che tenta di fare il D.Lgs. 150/2015 riorganizzando l'intero sistema degli uffici del lavoro, istituendo l'ANPAL e prevedendo il passaggio da un sistema di politiche passive del lavoro ad uno di politiche attive.

Leggi dopo

In G.U. il regolamento SINP: illustrate finalità e procedure

11 Ottobre 2016 | di Federico Gavioli

Sicurezza sul lavoro

È stato pubblicato in G.U. il Decreto che regolamenta il funzionamento del servizio informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro, con l’obiettivo di fornire dati utili a orientare, programmare, pianificare e valutare l’efficacia dell’attività di prevenzione di infortuni e malattie professionali, per i lavoratori iscritti e non agli enti assicurativi pubblici, e per indirizzare le attività di vigilanza. Il SINP avrà decorrenza dal 12 ottobre, realizzando un ulteriore elemento per la piena applicazione del D.Lgs. 81/2008, Testo unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, cd. Sicurezza sul lavoro.

Leggi dopo

Coassunzione in agricoltura: le novitá

07 Ottobre 2016 | di Daniele Bonaddio

Lavoratori agricoli

A decorrere dal 25 agosto 2016 è stata resa più semplice l'opportunità di assumere congiuntamente lavoratori da parte di imprese legate da un contratto di rete “misto”, ossia sottoscritto sia da imprese agricole che da imprese appartenenti a differenti settori produttivi. La novità è rinvenibile all'interno dell'art. 18 della L. n. 154/2016 (meglio conosciuta come “Collegato agricolo”), il quale abbassa dal 50% al 40% la percentuale minima di aziende agricole che deve essere presente tra le partecipanti al contratto di rete che decide di instaurare rapporti di lavoro congiunto. Con il presente Approfondimento, dunque, s'intende ripercorrere brevemente la recente evoluzione normativa delle assunzioni nel settore agricolo, concentrando l'attenzione in modo particolare sugli adempimenti tipici del “Referente Unico” in materia previdenziale.

Leggi dopo

Fondo di integrazione salariale dell'artigianato: modalità e durata

04 Ottobre 2016 | di Luca Furfaro

Fondi di solidarietà

In seguito alle disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro del D.Lgs n.148/2015, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183 e dopo l'emanazione del provvedimento interministeriale 29 aprile 2016 è stato adeguato il Fondo di solidarietà bilaterale per l'artigianato. L'Autore si propone di illustrarne, partendo dall'origine, contribuzione e modalità di richiesta delle prestazioni.

Leggi dopo

Le novità del correttivo Jobs act

30 Settembre 2016 | di Mario Cassaro

Jobs act

Il 23 settembre 2016 il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva lo schema di decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive dei decreti emanati in attuazione della legge delega n. 183 del 2014. Nel presente focus saranno analizzate le modifiche apportate ai vari decreti e alle principali fattispecie da essi disciplinate.

Leggi dopo

Distacco transfrontaliero alla luce del nuovo D.Lgs. n. 136/2016

27 Settembre 2016 | di Mario Cassaro

Distacco

Dal 22 luglio 2016 è in vigore il D.Lgs. n. 136/2016, emanato in attuazione della Direttiva 2014/67/UE che ridefinisce la disciplina in materia di distacco transfrontaliero dei lavoratori. Nel presente approfondimento saranno analizzate le novità introdotte e gli aspetti sostanziali che regolano la fattispecie.

Leggi dopo

Gli istituti deflativi per la definizione (agevolata) della pretesa tributaria: profili procedurali e riflessi sull'obbligazione contributiva

23 Settembre 2016 | di Amedeo Tea

Contributi previdenziali

L'attività di controllo e verifica esercitata dall'Agenzia delle Entrate può far emergere un maggior reddito accertato rispetto a quello dichiarato dai contribuenti in relazione al quale, con riferimento ai lavoratori autonomi (artigiani, commercianti e liberi professionisti iscritti alla gestione separata), occorre necessariamente ricalcolare i relativi contributi previdenziali. A questo proposito, la recente circolare INPS n. 140/2016 rammenta gli istituti “deflativi” del contenzioso tributario nati allo scopo di definire agevolmente la pretesa tributaria senza, pur tuttavia, tralasciare i “problematici” effetti che dall'uso di tali strumenti possono derivare sull'obbligazione contributiva.

Leggi dopo

Riflessioni sul c.d. tempo-tuta

22 Settembre 2016 | di Marianna Russo

Orario di lavoro

Il c.d. tempo-tuta, cioè il tempo impiegato per indossare e dismettere la divisa da lavoro, è una mera attività preparatoria oppure rientra a tutti gli effetti nell'orario lavorativo da retribuire? È evidente quanto la questione sia rilevante per le ricadute economiche nei confronti dei lavoratori e dei datori di lavoro: per tale ragione il contenzioso in materia è piuttosto elevato, dando vita a una variegata gamma di pronunce di merito e di legittimità, non sempre concordanti tra loro. Il presente focus illustra i principali indici giurisprudenziali e propone una guida all'approfondimento.

Leggi dopo

All'INPS è sufficiente chiedere l'ammissione al passivo della società per interrompere la prescrizione del credito

20 Settembre 2016 | di Federico Gavioli

Contributi previdenziali

All'INPS basta insinuarsi al passivo della società in nome collettivo per bloccare la prescrizione e far pagare i contributi dovuti al socio: la Corte di Cassazione ha stabilito con la sentenza n. 17412 del 30 agosto che, se la società è stata dichiarata fallita, spetta al socio pagare i contributi evasi e le sanzioni inflitte dall'Istituto di previdenza. L'Autore analizza, nel focus in oggetto, la sentenza riepilogando in una tabella le ragioni del ricorso in Cassazione del socio.

Leggi dopo

Pagine