Focus

Focus

L’attività svolta all’estero dall’avvocato è efficace ai fini contributivi

27 Febbraio 2014 | di Giuseppe Marino

Lavoro autonomo

La legge richiede l’autenticità della situazione sottesa all’iscrizione alla Cassa (ossia l’esercizio della professione) e non la percezione di un reddito professionale minimo ai fini dell’Irpef o l’esistenza di un minimo volume d’affari ai fini dell’IVA.

Leggi dopo

Modello CUD 2014: le novità operative

19 Febbraio 2014 | di Luigi Risolo

CUD

La nuova certificazione unica del Sostituto d’Imposta (CUD) per l’anno 2014 è caratterizzata da una serie di novità riguardanti sia la veste grafica delle istruzioni operative (contraddistinte da un indice degli argomenti utile a facilitare l’operato del Sostituto in sede di consultazione) che i contenuti in ordine a diversi punti: sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari per gli alluvionati della Sardegna; eliminazione delle detrazioni comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico; informazioni aggiuntive in materia di previdenza complementare; eliminazione del contributo di perequazione per illegittimità costituzionale; detrazioni per carichi di famiglia; annotazione della seconda o unica rata dell’acconto IRPEF dovuto per il 2013; maggiori detrazioni per le erogazioni liberali a favore di ONLUS ed organizzazioni politiche; detrazioni per le erogazioni liberali al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato; destinazione dell’8 per mille per nuovi organismi religiosi.

Leggi dopo

Il datore di lavoro può accertare la validità del licenziamento con il c.d. rito Fornero?

19 Febbraio 2014 | di Ivan Libero Nocera

Licenziamento disciplinare

La Cassazione rimette alle Sezioni Unite le questioni che attengono l’interferenza tra le azioni esperite con il rito speciale previsto dalla c.d. legge Fornero e tra queste e l’azione proposta dal datore di lavoro con il rito ordinario per quanto riguarda l’accertamento di questioni di rito e l’accertamento della legittimità del licenziamento.

Leggi dopo

Mancano le esigenze temporanee? Il contratto si converte a tempo indeterminato con l’utilizzatore

17 Febbraio 2014 | di Roberto Dulio

Somministrazione di lavoro

In materia di rapporto di lavoro interinale, disciplinato dalla l. n. 196/1997, la mancata previsione, nell'ambito della stessa legge, di un divieto di reiterazione dei contratti di fornitura di prestazioni di lavoro temporaneo conclusi con lo stesso lavoratore avviato presso la medesima impresa utilizzatrice non esclude che, in tali casi, possano configurarsi ipotesi di contratti in frode alla legge, allorché la reiterazione costituisca il mezzo per eludere la regola della temporaneità dell'occasione di lavoro che connota tale disciplina. Ne consegue che, per escludere che il contratto di lavoro con il fornitore interposto si consideri instaurato con l'utilizzatore interponente a tempo indeterminato, occorre verificare l'effettiva persistenza delle esigenze di carattere temporaneo, in modo tanto più penetrante quanto più durevole e ripetuto sia il ricorso a tale fattispecie contrattuale.

Leggi dopo

Crediti vantati verso la P.A.: modalità di rilascio del DURC

12 Febbraio 2014 | di Federico Gavioli

DURC

Il DURC, Documento Unico di Regolarità Contributiva, può essere rilasciato anche in presenza di certificazioni dei crediti certi, liquidi ed esigibili, vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni, tramite la cd. “Piattaforma per la Certificazione dei Crediti”. L’INPS, con la Circolare n. 16 del 30 gennaio 2014, fornisce le necessarie indicazioni in riferimento all’applicazione della disciplina a seguito della realizzazione, da parte del MEF all’interno della “Piattaforma per la Certificazione dei Crediti” (PCC), della funzione “Gestione Richieste DURC”, riservata ai soggetti titolari di crediti, e di quella di “Verifica della capienza per l’emissione del DURC”, rivolta agli enti tenuti al rilascio del Documento.

Leggi dopo

Aiuti di Stato illegittimi: il datore di lavoro deve restituire gli sgravi contributivi

06 Febbraio 2014 | di Giuseppe Marino

Aiuti di stato

Le imprese beneficiarie di un aiuto pubblico possono fare legittimo affidamento sulla regolarità dell’aiuto solamente qualora quest’ultimo sia stato concesso nel rispetto della procedura prevista dal Trattato CE; tuttavia, non può escludersi la possibilità, per il beneficiario di un aiuto illegittimamente concesso, di invocare circostanze eccezionali sulle quali egli abbia potuto fondare il proprio affidamento nella natura regolare dell’aiuto.

Leggi dopo

Per imprese e professionisti POS obbligatorio dal 30 giugno 2014

05 Febbraio 2014 | di Roberta De Pirro

Lavoro autonomo

Dal prossimo 28 marzo 2014 e fino al 30 giugno 2014, i soggetti che esercitano un’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, avranno l’obbligo di accettare i pagamenti di importo superiore a 30,00 euro, effettuati attraverso carte di debito, solo qualora abbiano registrato nel 2013 un fatturato superiore a 200.000,00 euro.

Leggi dopo

Impugnazione stragiudiziale del licenziamento mediante strumenti convenzionali e telematici

01 Febbraio 2014

Impugnazione del licenziamento

L’evoluzione tecnologica ha ampliato i modi di comunicare introducendo nuovi e diversi sistemi per impugnare in via stragiudiziale i licenziamenti. Talune di queste modalità c.d. “atipiche” di impugnativa, però, presentano alcune criticità che, in assenza di regole specifiche e di pronunce giurisprudenziali inducono ad essere molto prudenti e cauti sul loro utilizzo. De iure condendo, quindi, è auspicabile che il Legislatore provveda a normarle per escludere incertezze applicative e possibili contenziosi.

Leggi dopo

Il modulo INPS per accedere al pagamento dilazionato non richiede la specifica sottoscrizione

31 Gennaio 2014 | di Giuseppe Marino

Contributi previdenziali

I contratti predisposti da uno dei due contraenti in previsione e con riferimento ad una singola, specifica vicenda negoziale ed a cui l’altro contraente possa del tutto legittimamente richiedere ed apportare le necessarie modifiche, dopo averne liberamente apprezzato il contenuto, non costituiscono contratti ‘per adesione’.

Leggi dopo

Il rapporto si presume subordinato se il datore non prova l’assolvimento dell’obbligo di formazione

31 Gennaio 2014 | di Roberto Dulio

Lavoro dipendente e subordinazione

In ambito di Piani di inserimento professionale di cui al d. l. n. 299/1999, ai fini dell’accertamento della sussistenza o meno di un rapporto di lavoro subordinato, grava sul datore di lavoro fornire la prova dell’assolvimento dell’obbligo di formazione del lavoratore e l’utilizzo effettivo del lavoratore all’interno dei progetti di inserimento. In mancanza di tale prova il rapporto di lavoro sarà considerato di natura subordinata.

Leggi dopo

Pagine