Focus

Focus

Articolo 18 ed indennità sostitutiva della reintegrazione: le Sezioni Unite sciolgono un nodo ventennale

04 Settembre 2014 | di Marco Sartori

Cass. civ.

Licenziamento individuale

Ove il lavoratore invalidamente licenziato in regime di tutela reale – quale è quello previsto dall’art. 18, Statuto dei Lavoratori, nel testo precedente le modifiche introdotte con la Legge 28 giugno 2012, n. 92 – opti per l’indennità sostitutiva della reintegrazione, avvalendosi della facoltà prevista dal quinto comma del predetto art. 18, il rapporto di lavoro si estingue con la comunicazione al datore di lavoro di tale opzione, senza che permanga, per il periodo successivo in cui la prestazione lavorativa non è dovuta dal lavoratore, né può più essere pretesa dal datore di lavoro, alcun obbligo retributivo, con la conseguenza che l’obbligo avente ad oggetto il pagamento di tale indennità è soggetto alla disciplina della mora debendi in caso di inadempimento, o ritardo nell’adempimento, delle obbligazioni pecuniarie del datore di lavoro, quale prevista dall’art. 429, comma 3, cod. proc. civ., salva la prova, di cui è onerato il lavoratore, di un danno ulteriore. Così ha deciso la Corte di Cassazione, Sezioni Unite, con la pronunzia del 27 agosto 2014, n. 18353.

Leggi dopo

Da settembre il via alle istanze: presupposti e modalità di accesso per i datori

25 Agosto 2014 | di Alfredo Casotti, Maria Rosa Gheido

Credito d’imposta per assunzioni qualificate

Con l’emanazione del Decreto firmato il 28 luglio u.s. dal Direttore Generale del Ministero dello Sviluppo Economico, che stabilisce le modalità per la presentazione dell’istanza, i datori di lavoro possono attivare la richiesta del credito d’imposta per l’assunzione di personale altamente qualificato, istituito dall’articolo 24 del Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83. Le domande potranno essere presentate dalle imprese, in modalità telematica, a partire dal 15 settembre 2014 per le assunzioni effettuate dal 26 giugno al 31 dicembre 2012. Per le assunzioni intercorse nel 2013, l’inoltro delle istanze sarà a partire dal 10 gennaio 2015.

Leggi dopo

Anche un solo componente della RSU può procedere alla convocazione dell’assemblea sindacale

07 Agosto 2014 | di Giuseppe Bulgarini d'Elci

Diritti sindacali

Il diritto di indire un’assemblea ai sensi dell’art. 20, Stat. Lav. rientra tra le prerogative attribuite non solo alla RSU considerata collegialmente, ma anche a ciascun componente della rappresentanza, purché questi sia stato eletto nelle liste di un sindacato che, nell’azienda di riferimento, sia, di fatto, dotato di rappresentatività ai sensi dell’art. 19, Stat. Lav.. come integrato dalla sentenza additiva della Corte Costituzionale n. 231/2013 . Così si è espressa la Cassazione, Sezione Lavoro, nella recente pronuncia del 31 luglio 2014, n. 17458.

Leggi dopo

Jobs Act: guida ai chiarimenti operativi relativi al contratto a tempo determinato, somministrazione e apprendistato

04 Agosto 2014 | di Elisa Mapelli

Lavoro dipendente e subordinazione

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la circolare n. 18 del 30 luglio 2014, con la quale ha fornito alcuni chiarimenti operativi in relazione alle fattispecie del contratto a tempo determinato, contratto di somministrazione di lavoro e del contratto di apprendistato, nonché alcune indicazioni per il personale ispettivo, a seguito dell’entrata in vigore del D.L. n. 34/2014 (conv. L. n. 78/2014). Di seguito, analizzeremo gli aspetti più rilevanti contenti nella circolare ed utili al professionista per la corretta gestione delle suddette tipologie contrattuali.

Leggi dopo

Clausola di durata minima nel contratto a tempo indeterminato e recesso del lavoratore

31 Luglio 2014 | di Marco Sartori

Lavoro dipendente e subordinazione

È valida e non contrasta con alcuna norma o principio dell’ordinamento giuridico la clausola con cui il lavoratore, disponendo liberamente della propria facoltà di recesso nell’ambito di un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, pattuisce una garanzia di durata minima del medesimo, obbligandosi, nell’ipotesi di dimissioni anticipate non sorrette da una giusta causa, a risarcire il danno al datore di lavoro. Così si è espressa la Cassazione, Sezione Lavoro, nella recente pronuncia del 25 luglio 2014, n. 17010.

Leggi dopo

Bonus "piccola mobilità”: l’INPS autorizza il conguaglio fino ad agosto 2014

29 Luglio 2014 | di Paolo Bonini

Aiuti di stato

L'INPS ha inviato, alle aziende che ne avevano fatto richiesta mediante il modulo "LICE", l'autorizzazione a conguagliare le somme di cui ai DD.DD. n. 264 del 19 aprile 2013 e n. 390 del 3 giugno 2013. Si chiude così il cerchio di una vicenda che ha causato non pochi malumori: la mancata proroga degli incentivi relativi alla cd. "piccola mobilità" a partire dall'anno 2013, con la previsione, appunto, per il medesimo anno, di una "misura compensativa" che può raggiungere un massimo annuo di € 2.280 per lavoratore. Riassumiamo brevemente i termini della questione, per concentrarci da ultimo sulle concrete modalità di recupero delle somme.

Leggi dopo

Divieto di cumulo integrale tra stipendio e pensione per il dipendente pubblico part-time

25 Luglio 2014 | di Pasquale Staropoli

Lavoro dipendente e subordinazione

La Corte di Cassazione nega il diritto a percepire la pensione di anzianità in misura integrale al dipendente pubblico che ha trasformato il rapporto di lavoro da tempo pieno a part-time. La specialità della legge n. 662/96 che regola la fattispecie è tale da non recedere di fronte alla disciplina più recente, ma generale (l. n. 289/2002). Con la sentenza del 21 luglio 2014, n. 16513, la Corte di Cassazione riafferma un principio già più volte espresso, dichiarando esplicitamente di voler dare continuità all’indirizzo già noto.

Leggi dopo

Nuovi termini di decadenza: tra INPS e pensionato rapporti di forza tutti da definire

22 Luglio 2014 | di Massimiliano Fico

Pensioni

Le nuove disposizioni dell’art. 38, comma 1, D.L. n. 98/2011 riducono a 3 anni i tempi per la contestazione della misura del trattamento pensionistico. Un punto a favore dell’INPS, a meno che il cittadino non impari a difendersi.

Leggi dopo

La compatibilità dei rapporti di Dirigente e Amministratore

18 Luglio 2014 | di Ivana Azzollini

Dirigenti

Fra i temi che più frequentemente si pongono nella pratica professionale, la fattispecie della cumulabilità del ruolo di amministratore di società di capitali con quello di lavoratore subordinato - dirigente della medesima società - assume un ruolo di primo piano. L'aspetto appare rilevante in considerazione dei molteplici profili di valutazione circa le importanti conseguenze in materia fiscale e previdenziale, nonché in merito alla fondatezza di pretese retributive o risarcitorie.

Leggi dopo

Modello 770/2014 Semplificato – Principali Novità

16 Luglio 2014 | di Stefano Lapponi

Modello 770 Semplificato

Il Modello 770 Semplificato deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta per comunicare all’Amministrazione finanziaria i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2013, nonché gli altri dati contributivi ed assicurativi relativi ai soggetti cui sono stati corrisposti redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, indennità di fine rapporto, prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. Vanno, inoltre, comunicati i dati relativi all’assistenza fiscale prestata nel 2013 per il periodo di imposta precedente. I soggetti obbligati alla presentazione del Modello 770 Semplificato sono, dunque, i sostituti d’imposta che nel 2013 hanno corrisposto: somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte di cui agli artt. 23, 24, 25, 25-bis, 25-ter e 29 del D.P.R. n. 600/1973 e all’art. 33, comma 4 del D.P.R. n. 42/1988; somme o valori soggetti a contributi previdenziali e assistenziali dovuti all’INPS, IPOST, INPDAP; premi assicurativi dovuti all’INAIL.

Leggi dopo

Pagine