Focus

Focus

Chiarimenti ministeriali su CIG e Jobs act

22 Dicembre 2015 | di Federico Gavioli

Cassa Integrazione Guadagni

L’INPS con una corposa circolare ha diramato i primi chiarimenti operativi sulla cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria per le applicazioni delle novità introdotte dal decreto legislativo n. 148 del 2015, attuativo del Jobs act. Per la disciplina attuativa dell’estensione dell’obbligo contributivo CIGO/CIGS ai lavoratori con contratto di apprendistato professionalizzante e del regime contributivo addizionale, l’INPS informa che pubblicherà un’apposita circolare dove saranno forniti chiarimenti più specifici.

Leggi dopo

Lavori in quota e responsabilità del datore di lavoro

18 Dicembre 2015 | di Annalisa Gasparre

Sicurezza sul lavoro

Con la sentenza n. 48949/15 depositata l’11 dicembre la Cassazione penale affronta il caso di un datore di lavoro condannato per violazione di norme penali di cui al decreto legislativo n. 81/2008 recante disposizioni per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. La sentenza ha stabilito che al giudice di merito non è precluso di valutare l’idoneità o meno del sistema di accesso ai posti di lavoro temporanei in quota quando il sistema prescelto dal datore si riveli tecnicamente inidoneo a scongiurare i rischi di caduta, ulteriori rispetto alla percentuale di rischio, insita nell’utilizzare un sistema di accesso in quota.

Leggi dopo

Il “Jobs Act dei lavoratori autonomi”

15 Dicembre 2015 | di Daniele Bonaddio

Lavoro autonomo

Il mondo dei lavoratori autonomi e partite Iva è destinato a cambiare. A seguito del Jobs Act per i lavoratori del settore privato e pubblico, il Governo sta pensando di adottare un simile intervento anche per i lavoratori autonomi; si tratta di uno statuto ad hoc volto a disciplinare in modo più organico le condizioni lavorative di questi ultimi attraverso un corpo di norme e di regole che ne favoriscono il modus operandi e ne tutelano le specificità sotto il profilo contrattuale, assistenziale e fiscale. L’insieme di norme, conosciute meglio come “il Jobs Act dei lavoratori autonomi”, non ha precedenti nel nostro ordinamento e ha lo scopo di predisporre una vera e propria riforma, attraverso un “Collegato” alla Legge di Stabilità 2016. Dunque, il presente Approfondimento si pone l’obiettivo di fornire un primo sguardo d’insieme sulle modifiche che interessano il popolo degli autonomi, in attesa del testo ufficiale.

Leggi dopo

Con il decreto 151 le modifiche al T.U. 1124 relativamente a infortuni sul lavoro e malattie professionali

04 Dicembre 2015 | di Aldo De Matteis

Infortuni sul lavoro

L’art. 21 D.lgs. 4 settembre 2015 n. 151 contiene varie disposizioni modificative del t.u. 1124/1965, alcune che completano processi di informatizzazione iniziati in anni recenti, altre che, su tale base, riducono gli adempimenti del datore di lavoro e migliorano contestualmente l’operatività funzionale, ed altre francamente innovative, che offrono altresì spunti di grande valenza sistematica.

Leggi dopo

Stabilità 2016 sul "lavoro": in attesa del testo definitivo ecco cosa cambia

04 Dicembre 2015 | di Mario Cassaro

Lavoro dipendente e subordinazione

Il Senato della Repubblica ha approvato il 20 novembre 2015 il Disegno di legge di bilancio, dando così il via libera finale alla Legge di Stabilità, il Ddl è stato poi trasmesso alla Camera. Il pacchetto prevede misure in materia di pensioni (part-time con contributi figurativi pieni, salvaguardia esodati ed estensione dell'Opzione Donna), fiscalità sugli immobili a titolo IMU e TASI (abolizione imposta sulla prima casa, sui terreni agricoli e sugli imbullonati), sgravi per IRAP agricola, taglio IRES (tra il 2016 ed il 2017), rinnovo dell'esonero contributivo sulle assunzioni a tempo indeterminato (decontribuzione per i datori di lavoro), innalzamento del tetto al contante (da mille a tremila euro), sconti fiscali legati ai premi di produttività. Di seguito un quadro di riepilogo sulle principali novità in materia di lavoro, secondo il testo approvato in prima seduta dal Senato, in attesa di eventuali modifiche e dell'approvazione in Commissione Bilancio della Camera per poi avviare il dibattito in aula entro la metà di dicembre.

Leggi dopo

Incarichi ai pensionati: nuovi chiarimenti

01 Dicembre 2015 | di Federico Gavioli

Lavoro pubblico

Con una circolare del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione sono chiarite le modalità applicative imposte dalla P.A.per conferire incarichi e consulenze ai pensionati in virtù delle modifiche apportate dalla legge delega di riforma della pubblica amministrazione: tra le novità di rilievo è eliminato il tetto della durata di un anno degli incarichi generici, per le cariche e le collaborazioni gratuite. Rimane, invece, il tetto di un anno, fermo restando la gratuità dell’incarico, per i soli incarichi dirigenziali e direttivi.

Leggi dopo

Il restyling del sistema delle politiche attive per il lavoro all’indomani del decreto n. 150

27 Novembre 2015 | di Amedeo Tea

Jobs act

Con il decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 150 si gettano le fondamenta per una modernizzazione del complesso normativo concernente, più in generale, il sistema delle politiche attive “oscurato” da parecchi anni dal ruolo di primo piano giocato dalle politiche passive, spesso non scevre da tendenze assistenzialiste, riscontrabili per esempio negli ammortizzatori sociali. Come vedremo funditus, il nuovo assetto (centralista) attuato dal legislatore delegato si manifesta in più occasioni a partire, per esempio, dall’istituzione dell’Anpal, cabina di regia della nuova rete dei servizi per le politiche attive, per continuare con il meccanismo di condizionalità (delle misure di sostegno al reddito), sino ad arrivare al nuovo assegno di ricollocazione. In questa prospettiva, le misure introdotte dal decreto in parola vengono approfondite nel presente lavoro (non solo) sotto il profilo del contenuto ma (soprattutto) al fine di comprendere se possano rappresentare davvero degli strumenti validi ed efficaci in risposta alle esigenze di cambiamento dettate dall’attuale scenario produttivo.

Leggi dopo

Prestiti concessi ai dipendenti

24 Novembre 2015 | di Mario Cassaro

Retribuzione

Ai datori di lavoro capita sovente, soprattutto nei periodi di crisi congiunturale, di dover far fronte alle richieste di prestiti da parte dei propri lavoratori dipendenti. La concessione di tali prestiti può avvenire mediante l’erogazione diretta di somme di denaro ai lavoratori ovvero ricorrendo a soggetti terzi finanziatori. Nelle pagine che seguono analizzeremo la fattispecie anche sotto il profilo fiscale e verranno forniti alcuni esempi di calcolo.

Leggi dopo

Chiarimenti sull’esonero contributivo triennale

20 Novembre 2015 | di Luca Furfaro

Contributi previdenziali

L’Inps interviene nuovamente sull’esonero contributivo triennale introdotto dalla legge 190/2014 riguardante le nuove assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel 2015, ai sensi dell’articolo unico, commi 118 e seguenti, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 c.d. Legge di Stabilità 2015; così con al circolare n. 178 del 3 novembre 2015. L'Autore dunque si propone di delineare brevemente i pilastri dell'esonero, l'ambito di applicazione e le condizioni per il riconoscimento.

Leggi dopo

Campagna RED: comunicazione entro il 29 febbraio 2016

17 Novembre 2015 | di Federico Gavioli

Pensioni

Con un messaggio del 29 ottobre scorso, l’INPS ha reso noto che è partita l’operazione di sollecito da parte dello stesso istituto, avente come destinatari i pensionati, italiani ed esteri, che non hanno inoltrato i dati reddituali, necessari a verificare se le prestazioni erogate spettino effettivamente o meno. Per questi soggetti, quindi, è stata notificata la sospensione delle prestazioni collegate al reddito, con riferimento agli anni 2012 o 2013, ovvero entrambi gli anni, operativa nel corso del 2016 se non perverrà nessun dato all’INPS, entro il 29 febbraio 2016.

Leggi dopo

Pagine