Focus

Focus

Dal 1° gennaio 2016 collaborazioni genuine e certificate

24 Luglio 2015 | di Enzo Summa

Certificazione del contratto

Dal 1° gennaio 2016 cambia radicalmente il sistema delle collaborazioni. Il D.Lgs. di riordino dei contratti di lavoro, in vigore dal 25 giugno scorso, ridisegna il sistema delle collaborazioni con l’obiettivo di lasciare intatte quelle reali e far decadere quelle non genuine. Già dalla data di entrata in vigore del decreto vengono comunque abrogate sia le collaborazioni a progetto che quelle occasionali.

Leggi dopo

Offerta di conciliazione - Semplificazione e disintermediazione

21 Luglio 2015 | di Massimo T. Goffredo

Jobs act

Tra gli obiettivi del contratto di lavoro subordinato a tutele crescenti vi è anche la semplificazione delle procedure in materia di licenziamenti e loro impugnazioni. In particolare l’articolo 11 del D.Lgs. n. 23/2015 esclude la procedura di conciliazione, prevista dai commi da 46 a 68 dell’art. 1 legge n. 92/2012 per i licenziamenti nei confronti di lavoratori sottoposti al contratto tutte le crescenti. L'Autore pone particolare attenzione all’istituto dell’offerta di conciliazione, prevista all’art. 6 del D.Lgs. n. 23/2015, sostenendo che rappresenta un meccanismo agile di risoluzione delle controversie in materia di licenziamenti, ma segnalando che forse la nuova disciplina poteva compiere qualche sforzo in più in termini di semplificazione ma soprattutto di “sburocratizzazione”.

Leggi dopo

Commercianti, artigiani e gestione separata: le indicazioni dall’INPS per la compilazione del quadro RR di Unico 2015

14 Luglio 2015 | di Federico Gavioli

Lavoro autonomo

Il contribuente iscritto all’INPS deve determinarne l’ammontare dei propri contributi previdenziali nella propria dichiarazione dei redditi: i relativi versamenti a saldo 2014 ed in acconto 2015 dei contributi dovuti sono effettuati entro gli stessi termini previsti per il versamento delle somme dovute in base alla dichiarazione dei redditi. L'Autore offre utili indicazioni sull'argomento illustrando la circolare n. 120 dell'Istituto.

Leggi dopo

Operativo il DURC on-line: finalità e funzionamento

10 Luglio 2015 | di Federico Gavioli

DURC

È finalmente operativa la disciplina del DURC on-line che, dopo un periodo di “preparazione” ha finalmente visto la luce dal 1° luglio 2015: il nuovo sistema, in un'ottica di semplificazione, dovrebbe consentire alle pubbliche amministrazioni e alle imprese interessate l’acquisizione del documento attraverso la verifica, con modalità esclusivamente telematiche ed in tempo reale, delle regolarità contributiva dell’impresa nei confronti dell’INPS, INAIL e per le imprese tenute ad applicare i contratti del settore dell’edilizia nei confronti delle Casse edili.

Leggi dopo

Abolizione delle collaborazioni a progetto e dell'associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro

09 Luglio 2015 | di Massimo T. Goffredo

Jobs act

Con altri due decreti attuativi della delega sulla Riforma del lavoro, i decreti 81 e 82 del 2015, il legislatore ha introdotto delle modifiche al diritto del lavoro ed in particolare, con il decreto 81 entrato in vigore il 25 giugno 2015, ha abrogato due istituti: la collaborazione coordinata e continuativa a progetto e l'associazione in partecipazione con apporto di solo lavoro. L'Autore sviluppa sinteticamente alcune considerazioni sugli effetti di tali interventi legislativi sulle tipologie e modalità di rapporti che sarà consentito instaurare in base alle nuove discipline.

Leggi dopo

Bonus bebè: profili normativi e lineamenti operativi

07 Luglio 2015 | di Amedeo Tea

Assegni familiari

Nel prisma degli interventi normativi finalizzati ad incentivare la natalità e sostenere i redditi delle famiglie, l’art. 1 della Legge di Stabilità per il 2015 ha previsto un assegno, c.d. bonus bebè, per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017. A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 83 del 10 aprile 2015 del D.P.C.M. 27 febbraio 2015 l’Inps, con circolare dell’8 maggio 2015, n. 93, fornisce le prime istruzioni sui requisiti e sulla presentazione della domanda. Nel presente contributo, dopo aver delineato i profili normativi dell’agevolazione, l’attenzione viene concentrata sugli aspetti operativi che consentono l’accesso al bonus in parola.

Leggi dopo

Il DM 10 e l’omesso versamento delle ritenute previdenziali

03 Luglio 2015 | di Federico Gavioli

Contributi previdenziali

Nel presente lavoro viene proposta un'analisi, alla luce della sentenza di Cassazione n. 21619 del 25 maggio scorso, sull’importanza che determinati adempimenti di carattere previdenziale, effettuati dal datore di lavoro o, generalmente, dal Consulente del lavoro, possono avere anche dal punto di vista penale.

Leggi dopo

Il rinnovo del CCNL Commercio: modifiche e novità

30 Giugno 2015 | di Guido Musso

CCNL

Il 30 marzo 2015 Confcommercio, Filcams - CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs - UIL hanno sottoscritto l’ipotesi di accordo del CCNL “per i dipendenti da aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi”. Il rinnovo è stato ratificato in data 23 aprile 2015 dal Consiglio Confederale. Gli effetti decorrono dal 1° aprile 2015 e scadranno il 31 dicembre 2017. Nel testo sono previste importanti modifiche, sia per quanto riguarda il trattamento economico dei lavoratori dipendenti sia per quanto attiene alla parte normativa. Il rinnovo, oltre a definire le nuove tabelle retributive, interviene infatti nella classificazione del personale, sui tempi determinati, sull’orario di lavoro e su molti altri aspetti. Di seguito vengono affrontate nello specifico alcune tra le più rilevanti novità. Segnaliamo inoltre che Confcommercio, con propria nota protocollo 0005323 del 28 aprile 2015 ha fornito i primi chiarimenti ufficiali sul rinnovo in commento.

Leggi dopo

Riordino delle tipologie contrattuali: il decreto attuativo punto per punto

29 Giugno 2015 | di Giuseppe Bulgarini d'Elci, Marco Sartori

Jobs act

Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81, recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, che sui mezzi di informazione è già stato ribattezzato come il Decreto sul “Codice dei Contratti”. Il Decreto Legislativo, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 24 giugno 2015, n. 144 si propone, tra l’altro, di riordinare la disciplina dei contratti di lavoro per renderli maggiormente coerenti con le attuali esigenze del contesto occupazionale e produttivo, nell’ambito dei relativi principi fissati nella Legge Delega 10 dicembre 2014, n. 183 (il Jobs Act). Si illustrano di seguito le novità di maggiore rilievo introdotte dal Decreto.

Leggi dopo

La nuova disciplina dello ius variandi dopo il Jobs Act

26 Giugno 2015 | di Emiliana Maria Dal Bon

Jobs act

Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale n. 144 del 24 giugno 2015 è entrato in vigore il decreto attuativo del Jobs Act in materia di riordino delle tipologie contrattuali e di mansioni. Il decreto qui in commento si occupa, per la quasi totalità dei suoi articoli, di riordinare la disciplina delle varie tipologie contrattuali, creando una sorta di Testo Unico dei contratti. L'articolo 3 è dedicato a rimaneggiare l’articolo 2103 del codice civile, in tema di mansioni del lavoratore. La norma viene modificata rispetto alla formulazione che era stata introdotta dall’articolo 13 dello Statuto dei Lavoratori nel 1970.

Leggi dopo

Pagine