Focus

Focus su Permessi e aspettative

Le assenze atipiche: tossicodipendenti, ludopatici ed alcolisti

23 Aprile 2019 | di Francesco Geria

Permessi e aspettative

Il rapporto di lavoro subordinato, tra le sue peculiarità, annovera anche quella della corretta gestione, in specifiche situazioni, della sospensione della prestazione lavorativa. Il lavoratore usufruisce di permessi e periodi di aspettativa espressamente regolati dalla legge, conservando il posto di lavoro e, in situazione del tutto eccezionali, anche il trattamento retributivo assieme al riconoscimento dell’anzianità di servizio. Con il presente contributo, si analizzano le tre casistiche - tossicodipendenza, alcolismo e ludopatia- in presenza delle quali il lavoratore, a causa di disturbi oggi ritenuti “patologici”, necessita di assenze dal lavoro a volte anche per periodi prolungati.

Leggi dopo

Il congedo per il padre lavoratore nella Legge di Bilancio 2019

08 Marzo 2019 | di Amedeo Tea

Permessi e aspettative

La Legge di Bilancio 2019 ha previsto, per il nuovo anno, la proroga del congedo obbligatorio per il padre la cui durata, peraltro, viene elevata da quattro a cinque giorni. È la chiara conferma della volontà di rafforzare tanto le tutele riservate ai padri quanto la genitorialità all’interno del difficile equilibrio dei rapporti lavorativi e famigliari. Nel presente contributo, dunque, l’analisi si soffermerà non soltanto sugli aspetti prettamente normativi ma anche sui criteri d’accesso nonché sul trattamento economico e previdenziale previsti dalle nuove disposizioni introdotte.

Leggi dopo

Le assenze atipiche: i permessi per soccorso alpino, croce rossa e protezione civile

26 Febbraio 2019 | di Francesco Geria

Permessi e aspettative

In determinate circostanze, i lavoratori dipendenti possono beneficiare di periodi di astensione dall’obbligo della prestazione lavorativa usufruendo di permessi o periodi di aspettativa espressamente regolati dalla legge. Durante tali periodi il lavoratore conserva il posto di lavoro e, in casi particolari, anche il trattamento retributivo e il riconoscimento dell’anzianità di servizio. Con il presente contributo, pertanto, s’intende dare avvio ad una serie di interventi che si prefiggono l’obiettivo di analizzare la disciplina e le istruzioni operative per il godimento di specifiche tipologie di permessi, iniziando la nostra trattazione dei casi dei permessi per soccorso alpino, croce rossa e volontariato.

Leggi dopo

Elezioni del 4 marzo 2018: la gestione dei permessi in busta paga

26 Febbraio 2018 | di Daniele Bonaddio

Permessi e aspettative

In vista delle elezioni del nuovo Parlamento, che si terranno domenica 4 marzo 2018, si offre un approfondimento volto a fornire le linee guida agli operatori del settore al fine di gestire correttamente i c.d. “permessi elettorali” in busta paga. Infatti, tutti i lavoratori dipendenti nominati presidente di seggio, segretario, scrutatore, rappresentante di lista e rappresentante di gruppo hanno diritto ad assentarsi dal lavoro per il periodo corrispondente alla durata delle operazioni di voto e di spoglio.

Leggi dopo

Unioni civili: chiarimenti dell’INPS su congedi e permessi

07 Aprile 2017 | di Federico Gavioli

Permessi e aspettative

A seguito dell’approvazione della Legge n. 76/2016 e della sentenza della Consulta n. 213/2016 in materia di unioni civili e convivenze di fatto, l’INPS ha emanato un appropriato documento di prassi ministeriale (la Circolare 27 febbraio 2017, n. 38) con il quale ha fornito le istruzioni operative in materia di permessi ex Legge n. 104/1992 e del congedo straordinario per i lavoratori dipendenti nel settore privato.

Leggi dopo

Inidoneità alla donazione di sangue: le istruzioni INPS

21 Marzo 2017 | di Daniele Bonaddio

Permessi e aspettative

Con la Circolare 7 febbraio 2017, n. 29, l’INPS ha spiegato come operare qualora i datori di lavoro del settore privato si trovino di fronte alla situazione di dover gestire l’assenza dal lavoro dei propri dipendenti, al fine di attestare la propria inidoneità alla donazione del sangue e di emocomponenti. La normativa di riferimento che disciplina tale fattispecie è l’art. 8, co. 2, L. n. 219/2005, successivamente adottata con Decreto 18 novembre 2015, la quale garantisce nei predetti casi la corresponsione della normale retribuzione “limitatamente al tempo necessario all’accertamento dell’idoneità e alle relative procedure”. Con il presente elaborato, oltre a specificare requisiti, procedure e documentazione medica necessaria per attestare il diritto alla retribuzione, l’Autore intende focalizzare la propria attenzione sulle istruzioni operative necessarie per valorizzare correttamente il flusso Uniemens.

Leggi dopo