Focus

Focus su Somministrazione di lavoro

Decreto Dignità: le novità sui contratti di somministrazione di lavoro

14 Settembre 2018 | di Federico Gavioli

Somministrazione di lavoro

Il Decreto Dignità interviene sui contratti di lavoro in somministrazione a tempo determinato prevedendo sostanzialmente che anche la nuova disciplina dei contratti a termini si applica a questa tipologia contrattuale che dovrebbe diventare meno flessibile e più costosa per il datore di lavoro a seguito dell’aumento della contribuzione addizionale pari all’1,4 per cento della retribuzione imponibile ai fini previdenziali

Leggi dopo

Il restyling dello staff leasing e della somministrazione a termine dopo il D.Lgs. n. 81/2015

31 Luglio 2015 | di Amedeo Tea

Somministrazione di lavoro

Le molteplici modifiche apportate dal D.Lgs. n. 81, pubblicato nella G.U. n. 34 del 24 giugno 2015 ed entrato in vigore il giorno successivo, si prefiggono di “riordinare i contratti di lavoro vigenti per renderli maggiormente coerenti con le attuali esigenze del contesto occupazionale e produttivo”. In questo scenario innovativo si vuole collocare il presente intervento che affronta le principali novità caratterizzanti l’istituto della somministrazione a tempo indeterminato (staff-leasing) e a termine, proponendosi di cristallizzare alcuni segnali di palese discontinuità con la precedente normativa seppur non completamente immuni da contraddizioni (a volte) incomprensibili.

Leggi dopo

La peculiarità della disciplina della somministrazione nel CCNL per le agenzie di somministrazione di lavoro

17 Aprile 2015 | di Emiliana Maria Dal Bon

Somministrazione di lavoro

Il 27 febbraio 2014 è stato firmato a Roma il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per i lavoratori in somministrazione delle Apl, che disciplina, più nel dettaglio rispetto al D.lgs. 276/03 - come da espresse deleghe in esso contenute - , i diritti e doveri dei lavoratori assunti dalle Agenzie per il lavoro per essere somministrati e le concrete modalità di gestione del rapporto di prestazione. Le disposizioni del CCNL precisano, tra l’altro, il ruolo dei Fondi bilaterali, le modalità di gestione del rapporto di lavoro - dalla sua costituzione alla sua cessazione - e i diritti del lavoratore, ma soprattutto introducono importanti novità quali il monte ore garantito, la procedura in mancanza di occasioni di lavoro e l’apprendistato in somministrazione.

Leggi dopo

Termine decadenziale di impugnazione per i contratti antecedenti al 24 novembre 2010

24 Novembre 2014 | di Massimo T. Goffredo, Francesco Bedon

Somministrazione di lavoro

Il regime decadenziale ex art. 32 L. 183/2010 è da tempo oggetto di diverse interpretazioni giurisprudenziali. Recentemente la Corte d'Appello di Milano ha risolto il contrasto, statuendo come la disposizione debba essere applicata a tutti i contratti a termine, compresi quelli di somministrazione a tempo determinato, cessati prima del 24 novembre 2010, non ponendosi alcun problema di diritto intertemporale.

Leggi dopo

Tratti distintivi della somministrazione a termine e indennizzo risarcitorio nelle conversioni del rapporto

09 Ottobre 2014 | di Giuseppe Bulgarini d'Elci

Somministrazione di lavoro

Dalle aule di giustizia è emerso un numero elevato di controversie sulla corretta qualificazione formale dei contratti di lavoro temporaneo, tra cui la somministrazione a termine e la misura dell’indennizzo risarcitorio conseguente all’accertamento della somministrazione irregolare. Le due pronunce della Suprema Corte nn. 21000/2014 e 21001/2014 hanno il pregio di ricostruire con efficacia i tratti distintivi della somministrazione di lavoro a tempo determinato e di offrire un quadro completo ed aggiornato sui più recenti approdi della giurisprudenza.

Leggi dopo

Mancano le esigenze temporanee? Il contratto si converte a tempo indeterminato con l’utilizzatore

17 Febbraio 2014 | di Roberto Dulio

Somministrazione di lavoro

In materia di rapporto di lavoro interinale, disciplinato dalla l. n. 196/1997, la mancata previsione, nell'ambito della stessa legge, di un divieto di reiterazione dei contratti di fornitura di prestazioni di lavoro temporaneo conclusi con lo stesso lavoratore avviato presso la medesima impresa utilizzatrice non esclude che, in tali casi, possano configurarsi ipotesi di contratti in frode alla legge, allorché la reiterazione costituisca il mezzo per eludere la regola della temporaneità dell'occasione di lavoro che connota tale disciplina. Ne consegue che, per escludere che il contratto di lavoro con il fornitore interposto si consideri instaurato con l'utilizzatore interponente a tempo indeterminato, occorre verificare l'effettiva persistenza delle esigenze di carattere temporaneo, in modo tanto più penetrante quanto più durevole e ripetuto sia il ricorso a tale fattispecie contrattuale.

Leggi dopo