Focus

Focus

Antiriciclaggio: gli obblighi per i consulenti del lavoro

20 Settembre 2018 | di Daniele Bonaddio

Consulenti del Lavoro

Le nuove norme apportate in materia di antiriciclaggio mediante il Decreto Legislativo 25 maggio 2017, n. 90, che interviene nel corpus normativo del Titolo II del Decreto Legislativo 21 novembre 2007, n. 231, obbligano i professionisti ad adottare specifiche misure al fine di consentire un’adeguata verifica e valutazione del rischio di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo nonché dimostrare alle Autorità di Vigilanza e agli Organismi di Autoregolamentazione che le stesse siano adeguate al rischio rilevato. L’elaborato si prefigge l’obiettivo di individuare i principali obblighi e adempimenti in capo ai Consulenti del lavoro, al fine di evitare di incorrere nelle sanzioni amministrative e penali a carico del professionista in ipotesi di violazione delle norme contenute nelle suddette leggi.

Leggi dopo

Decreto dignità: le nuove regole per lo sport dilettantistico

18 Settembre 2018 | di Giulio D'Imperio

Lavoratori dello sport

A distanza di solo otto mesi il legislatore ha eliminato dal panorama sportivo le società sportive dilettantistiche a fine di lucro, introdotte per la prima volta dall’articolo 1 comma 353 della legge di bilancio 2018. È stato chiarito che l’abrogazione di tali realtà sportive ha inizio dal periodo d’imposta in corso dall’entrata in vigore dal D.L. n. 87 del 12 luglio 2018, ovvero dal 14 luglio 2018. Alle società od associazioni sportive dilettantistiche sono stati stanziati ben 56 milioni di euro nel periodo compreso tra gli anni 2018 e 2024 che verranno assegnate all’ufficio per lo sport presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Leggi dopo

Decreto Dignità: le novità sui contratti di somministrazione di lavoro

14 Settembre 2018 | di Federico Gavioli

Somministrazione di lavoro

Il Decreto Dignità interviene sui contratti di lavoro in somministrazione a tempo determinato prevedendo sostanzialmente che anche la nuova disciplina dei contratti a termini si applica a questa tipologia contrattuale che dovrebbe diventare meno flessibile e più costosa per il datore di lavoro a seguito dell’aumento della contribuzione addizionale pari all’1,4 per cento della retribuzione imponibile ai fini previdenziali

Leggi dopo

Esonero contributivo occupazione giovanile e tutela occupazionale per imprese beneficiarie di aiuti di Stato nel Decreto Dignità dopo la conversione in legge.

11 Settembre 2018 | di Mario Cassaro

Assunzioni agevolate

La legge 9 agosto 2018, n. 96, di conversione del decreto legge n. 87/2018, c.d. "decreto Dignità", prevede tra le varie disposizioni, un esonero contributivo che ricalca la disciplina dell'incentivo all'occupazione stabile previsto dalla legge n. 205/2017 e particolari misure di contrasto alla delocalizzazione delle imprese, italiane ed estere, che operano in Italia e beneficiano di aiuti di Stato. Nell'approfondimento si analizzano le disposizioni fornendo un quadro di riepilogo e di confronto, anche con l'ausilio di tabelle di sintesi.

Leggi dopo

APE Volontaria e APE Sociale: le istruzioni Inps

06 Settembre 2018 | di Francesco Geria

Pensioni

Con le previsioni dell’articolo 1, commi da 166 a 178 e da 179 a 186, della Legge 11 dicembre 2016, n. 232, il Governo ha introdotto alcune misure sperimentali volte a favorire l’uscita dal mondo del lavoro di particolari categorie di soggetti, in possesso di specifici requisiti. In primo luogo, con l’Anticipo finanziario a garanzia pensionistica, cd. Ape volontaria, è consentito al lavoratore, che soddisfi i requisiti di cui al DPCM del 4 settembre 2017, n. 150, di richiedere tramite l’Inps, un prestito a banche o assicurazione, da restituire con un piano di ammortamento, che servirà per coprire il periodo di anticipo della pensione. Diversamente, l’Ape sociale, rivolta a tipologie di lavori svantaggiati (disoccupati, invalidi etc.), offre la possibilità di accedere alla pensione anticipata a coloro che abbiano almeno 63 d’età e posseggano un’anzianità contributiva di almeno 30 anni, senza dover sostenere i costi del prestito, posti interamente a carico dello Stato.

Leggi dopo

Conciliazione vita-lavoro: modalità di richiesta degli sgravi contributivi 2018

04 Settembre 2018 | di Daniele Bonaddio

Welfare aziendale

Con la Circolare n. 91 del 3 agosto 2018, l’INPS ha illustrato le modalità di attribuzione, a valere sulle risorse per l’anno 2018, dello sgravio contributivo previsto dal Decreto Interministeriale 12 settembre 2017 – attuativo dell’art. 25 del D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 80 - per i datori di lavoro che stipulino contratti collettivi aziendali contenenti misure volte a favorire la conciliazione tra la vita lavorativa e la vita privata dei lavoratori. I datori di lavoro che intendono chiedere lo sgravio, in questa fase, devono presentare istanza telematica all’INPS entro il 15 settembre 2018. Non sono ammessi i datori a cui è già stato riconosciuto il medesimo sgravio per l’anno 2017.

Leggi dopo

Il lavoro a tempo determinato dopo la conversione del Decreto Dignità

31 Agosto 2018 | di Luca Furfaro

Lavoro a tempo determinato

Con la pubblicazione sulla G.U. n.186 dell’11 agosto 2018 della legge di conversione n. 96 del 9 agosto 2018, il decreto Dignità, convertito con modificazioni, conclude il proprio iter legislativo. Rispetto al decreto legge, la conversione conferma la profonda modifica alla disciplina dei contratti di lavoro a termine e di somministrazione, ma inserisce inoltre un periodo transitorio per l’adeguamento ed un nuovo sgravio contributivo per le aziende che assumono under 35 a tempo indeterminato. Con la norma viene ampliato l’uso dei voucher per le prestazioni occasionali nel settore agricolo, per gli alberghi (e le strutture ricettive) con alle dipendenze fino a 8 lavoratori. È inoltre stato aumentato l’importo delle indennità per i licenziamenti dichiarati illegittimi e per l’offerta conciliativa da parte del datore di lavoro. Confermate infine le misure previste contro la delocalizzazione delle imprese e a tutela dei livelli occupazionali. Le più complesse e impattanti novità sono però quelle riguardanti i rapporti di lavoro a tempo determinato che arrivano a creare ben due periodi transitori prima dell’applicazione effettiva. In questo focus andremo ad affrontare le limitazioni previste dividendo le casistiche in base alla stipula del contratto di lavoro, occorrerà tenere conto di ben 3 date spartiacque (14 luglio 2018, 12 agosto 2018 e 1 novembre 2018).

Leggi dopo

Le prestazioni occasionali per le aziende agricole disciplinate dal Decreto Dignità

28 Agosto 2018 | di Giulio D'Imperio

D.L. 12 luglio

Lavoratori agricoli

Dall’11 agosto 2018 è in vigore la nuova modifica alla disciplina delle prestazioni occasionali per le aziende del comparto agricolo, apportata dall’art. 2-bis della L. n. 96 del 9 agosto 2018 con cui è stato convertito in legge il “Decreto Dignità” (D.L. 87 del 12 luglio 2018). Rispetto all’art. 54-bis del D.L. 50 del 24 aprile 2017, convertito nella L. 96 del 21 giugno 2017, è più stringente l’applicazione di tale formula contrattuale.

Leggi dopo

Il distacco transnazionale dei lavoratori stranieri in Italia

24 Agosto 2018 | di Francesco Geria

Distacco

Dal 1° gennaio 2017 è divenuta pienamente operativa la disciplina introdotta dal D.Lgs. 17 luglio 2016, n. 136 in tema di distacco transnazionale dei lavoratori e della loro conseguente tutela. Il D.Lgs consegue a quanto previsto – secondo il diritto comunitario – dalla Direttiva 2014/67/UE e dalla Direttiva 96/71/CE concernenti il distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi e secondo quanto disciplinato dal Regolamento (UE) n. 1024/2012 sulla cooperazione amministrativa attraverso il Sistema di Informazione del Mercato Interno (IMI). L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con vari provvedimenti, ha fornito molteplici chiarimenti e indicazioni operative al proprio personale ispettivo ponendo particolare attenzione ai distacchi transnazionali di lavoratori nei settori del trasporto di merci su strada e delle prestazioni di servizi di trasporto di persone. Con questo contributo si analizza quanto stabilito dalla disciplina nazionale nel caso in cui Paesi Membri dovessero ricorre ad un distacco di lavoratori nel territorio italiano.

Leggi dopo

Pagamento retribuzioni inferiori alla busta paga e rischio autoriciclaggio per il datore di lavoro

21 Agosto 2018 | di Mario Cassaro

Diritti ed obblighi datore di lavoro

La recente sentenza n. 25979/2018 della Corte di Cassazione offre l'occasione per una riflessione in merito al rischio di autoriciclaggio gravante sul datore di lavoro che retribuisca i lavoratori in misura inferiore agli importi risultanti dalla busta paga. La fattispecie, che dovrebbe subire un'importante limitazione per effetto dell'obbligo del pagamento delle retribuzioni con modalità tracciabili, previsto dal 1° luglio 2018 dal comma 910 e seguenti dell'art. 1 della L. n. 205/2017 (di Bilancio 2018), ci consente un'analisi degli aspetti correlati a comportamenti estorsivi posti in essere dal datore di lavoro che potrebbero poi rappresentare il presupposto alla base del delitto di autoriciclaggio.

Leggi dopo

Pagine