Focus

Focus

Le novità sui ricorsi amministrativi in materia di lavoro

28 Aprile 2017 | di Mario Cassaro

Agenzia ispettiva

Il Decreto Legislativo n. 149/2015, di attuazione del Jobs Act, ha istituito l'Ispettorato Nazionale del Lavoro dettandone la disciplina e riorganizzando il Ministero del Lavoro. La norma è intervenuta anche sul Decreto Legislativo n. 124/2004, modificando le precedenti disposizioni in materia di ricorsi avverso le ordinanze-ingiunzione e contro gli atti di accertamento in materia di lavoro e previdenziale. Nell'approfondimento si analizzano le procedure e le novità operative dal 1° gennaio 2017, anche con l'ausilio di tabelle di sintesi e di raffronto.

Leggi dopo

Gestione delle Unità produttive: l’INPS detta le indicazioni operative

21 Aprile 2017 | di Federico Gavioli

Uniemens

L’INPS, con il Messaggio 31 marzo 2017, n. 1444, ha fornito le indicazioni operative in merito alle nuove funzionalità per agevolare la gestione delle Unità produttive, che dovranno essere obbligatoriamente indicate nel flusso UniEmens a partire dalle denunce contributive di marzo 2017: l’INPS riassume sia le regole amministrative, sia le modalità di gestione per gli operatori interessati dall’adempimento.

Leggi dopo

Cronotachigrafi e obblighi di tenuta documentale

18 Aprile 2017 | di Iunio Valerio Romano

LUL

Con riguardo alle modalità di tenuta dei dischi cronotachigrafi in relazione agli obblighi di registrazione nel Libro Unico del Lavoro della prestazione oraria dei lavoratori mobili, l’INL ha precisato, con Lettera Circolare 9 febbraio 2017, n. 1, che tale registrazione, in caso di orario multiperiodale, deve essere compiuta entro 4 mesi dall’effettuazione della prestazione. La registrazione differita è consentita a patto che vengano conservati i documenti comprovanti l’effettivo orario di lavoro, tenuto conto che il LUL deve essere conservato per almeno 5 anni, mentre i dischi cronotachigrafi debbono essere conservati per un anno.

Leggi dopo

Gestione separata INPS: le nuove aliquote contributive

14 Aprile 2017 | di Daniele Bonaddio

Gestione separata INPS

La Legge di Bilancio 2017 ha apportato importanti modifiche per quanto riguarda le aliquote contributive per gli iscritti alla Gestione Separata INPS: infatti, all'articolo 1, comma 165, Legge 11 dicembre 2016, n. 232, è stato disposto che per i lavori autonomi titolari di posizione fiscale ai fini dell'imposta sul valore aggiunto, i quali sono iscritti alla Gestione Separata INPS, senza risultare al contempo iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria (né pensionati), l'aliquota contributiva è fissata al 25%. D’altro canto l'articolo 2, comma 57, Legge n. 92/2012, aveva disposto che per collaboratori e figure assimilate iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata INPS, l'aliquota contributiva a partire dall'anno 2017 sarebbe stata elevata al 32%. La Circolare INPS 31 gennaio 2017, n. 21, ha così proceduto a fornire chiarimenti in ordine alle effettive aliquote da applicare, facendo in tal modo chiarezza. Il presente lavoro ha proprio l’obiettivo di evidenziare analiticamente le diverse aliquote e la disciplina da seguire nei diversi casi.

Leggi dopo

Unioni civili: chiarimenti dell’INPS su congedi e permessi

07 Aprile 2017 | di Federico Gavioli

Permessi e aspettative

A seguito dell’approvazione della Legge n. 76/2016 e della sentenza della Consulta n. 213/2016 in materia di unioni civili e convivenze di fatto, l’INPS ha emanato un appropriato documento di prassi ministeriale (la Circolare 27 febbraio 2017, n. 38) con il quale ha fornito le istruzioni operative in materia di permessi ex Legge n. 104/1992 e del congedo straordinario per i lavoratori dipendenti nel settore privato.

Leggi dopo

Appalto e distacco del lavoratore: profili istituzionali e differenze

06 Aprile 2017 | di Andrea Patrizi

Appalto

Uno dei temi giuridici in continua evoluzione, nutrito come pochi altri da una pluralità di intrecci, è quello della “utilizzazione indiretta di lavoro”. Tale fenomeno ricorre in tutte quelle ipotesi in cui un soggetto, c.d. utilizzatore, dispone o beneficia della prestazione svolta da un lavoratore senza essere titolare del contratto di lavoro cioè senza rivestire il ruolo di datore di lavoro.

Leggi dopo

Riduzione contributiva 2016 nel settore edile

03 Aprile 2017 | di Daniele Bonaddio

Contributi previdenziali

Con Decreto Interministeriale 10 novembre 2016 è stata confermata, per l’anno 2016, la riduzione contributiva dell’11,50% prevista in favore degli operai a tempo pieno del settore edile. Per accedere allo sgravio contributivo le domande devono essere inviate, esclusivamente in via telematica, entro il 15 aprile 2017, avvalendosi del modulo “Rid-Edil”, mentre il beneficio può essere fruito entro il 16 aprile 2017, avvalendosi delle denunce contributive UniEmens con competenza fino al mese di marzo 2017. L’Autore, oltre ad illustrare le caratteristiche, il campo di applicazione, nonché le condizioni per accedere alla riduzione contributiva, descrive le fasi procedurali d’invio dell’istanza e le modalità di compilazione del flusso UniEmens.

Leggi dopo

Il ritorno al lavoro intermittente

31 Marzo 2017 | di Mario Cassaro

Job on call

La recente abrogazione del lavoro accessorio, avvenuta per effetto del Decreto Legge n. 25/2017, induce le aziende ed i professionisti che le assistono a cercare forme alternative di flessibilità, idonee a sopperire al fabbisogno di lavoratori per esigenze temporanee e discontinue. Stante la mancanza di un'immediata previsione di legge, idonea a colmare il vuoto creato dalla repentina abrogazione del sistema "voucher", si nota un maggior interesse verso l'istituto del lavoro intermittente. Con l’intento di riepilogare e di fornire al lettore una visione di insieme, senza tralasciare gli aspetti pratici, si fornisce un quadro riassuntivo di tale modalità di lavoro, analizzando le disposizioni normative e di prassi nella loro evoluzione temporale, i presupposti, i limiti e le procedure obbligatorie per l'instaurazione e per la gestione del rapporto di lavoro.

Leggi dopo

Work-life balance: novità dalla Legge di Bilancio 2017

28 Marzo 2017 | di Luca Furfaro

Welfare aziendale

Il work-life balance è un concetto molto esteso che rappresenta il bilanciamento tra il lavoro (carriera e ambizione professionale) e la vita privata (famiglia, svago, divertimento): si tratta di un passaggio dalla dicotomia tra “lavorare per vivere” o “vivere per lavorare” ad un più completo concetto di “vivere lavorando”. In questo approfondimento saranno illustrate le diverse misure previste per la conciliazione famiglia-lavoro e per l’agevolazione alla natalità, con particolare attenzione alle novità apportate dalla Legge di Bilancio 2017.

Leggi dopo

Le nuove disposizioni sulla delocalizzazione dei call center

24 Marzo 2017 | di Mario Cassaro

Lavoro dipendente e subordinazione

La Legge di Bilancio 2017, allo scopo di limitare i fenomeni di dumping causati dalla delocalizzazione delle attività di call center fuori dal territorio nazionale o in paesi che non siano membri dell’Unione Europea, ha rafforzato le misure già esistenti in materia, introducendo nuovi obblighi di comunicazione al Ministero del Lavoro, all’Ispettorato Nazionale del Lavoro, al Ministero dello Sviluppo economico ed all’Autorità garante della Privacy. Nelle pagine che seguono si fornisce un quadro di riepilogo della normativa, analizzando con maggiore dettaglio le novità, le modalità di adempimento ed i relativi profili sanzionatori.

Leggi dopo

Pagine