Bussola

Somministrazione di lavoro

17 Febbraio 2017 |

Sommario

Inquadramento | Premessa | Agenzie per il lavoro | Tipologie contrattuali | Divieti di somministrazione | Trattamento economico e normativo | Comunicazione del rapporto di lavoro | Libro Unico Lavoro | Aspetti previdenziali | Contributo per percorsi formativi e a carattere previdenziale | Aspetti assicurativi | Addizionale ASPI | Sostegno al reddito | Aspetti sanzionatori | Somministrazione fraudolenta | Riferimenti |

 

La disciplina del contratto di fornitura di lavoro temporaneo, c.d. “lavoro interinale”, è stata introdotta dalla Legge 196/1997 Riforma Treu. Tale istituto contrattuale ha subito varie modifiche e nel 2003, con la Legge n. 39/2003 e con il D.Lgs. n. 276/2003 (cosiddetta Legge Biagi) il lavoro interinale è stato abolito e sostituito dalla Somministrazione di Lavoro sia a tempo determinato che indeterminato. La somministrazione di lavoro è una fattispecie complessa di rapporto di lavoro, mediante il quale una parte (somministratore/Agenzia per il lavoro) si obbliga, dietro corrispettivo di un prezzo, a fornire ad un'altra (utilizzatore/Azienda) prestazioni periodiche o continuative rese da terzi (Lavoratore), senza che tra i lavoratori "forniti" e l'utilizzatore si instauri un contratto di lavoro subordinato. Al lavoratore, legato da un contratto di lavoro con il somministratore, spetta una retribuzione non inferiore a quella dei lavoratori dipendenti dal soggetto utilizzatore, ed alla corresponsione dei trattamenti retributivi e dei contributi previdenziali sono obbligati in solido sia il somministratore che l'utilizzatore. La somministrazione a tempo determinato, maggiormente assimilabile al lavoro interinale, è ammessa senza la necessità di specificare le ragioni di cara...

Leggi dopo