Bussola

Servizio militare

09 Gennaio 2015 |

Sommario

Abstract | Inquadramento | Conservazione del posto del lavoro | Servizio civile volontario | Richiamo alle armi | Pagamento dell’indennità | Riferimenti |

 

L’articolo 52 della Costituzione stabilisce l’obbligatorietà del servizio militare, precisando che il suo adempimento non deve pregiudicare la posizione di lavoro del cittadino. L’art. 1 della L. 226/2004 ha sospeso l’obbligo del servizio di leva obbligatorio, fatto salvo alcuni casi eccezionali quali, ad esempio, la dichiarazione dello stato di guerra, insufficiente personale volontario, partecipazione dell’Italia ad operazioni militari internazionali, etc. Il richiamo alle armi, per i lavoratori del settore privato, è ancora oggi regolato dalle disposizioni contenute negli articoli 2110 e 2111 C.C., dalla legge 10.6.1940, n. 653 e dal Regio Decreto Legge 13.11.1924, n. 1825; per i dipendenti dallo Stato dalla legge 3.5.1955, n. 370, abrogata dall’art. 2268 del D.Lgs. 15.3.2010, n. 66 con decorrenza dal 9.10.2010. Nella legge delega n. 64 del 2001 viene disciplinata l'istituzione del servizio civile nazionale volontario, operante a partire dal momento della "sospensione" della leva militare obbligatoria

Leggi dopo