Bussola

Retribuzione

Sommario

Inquadramento | Nozione | Elementi della retribuzione | Retribuzione mensile – Elementi di base e complementari | Mensilità aggiuntive | Retribuzione in natura | La determinazione della retribuzione | Principio di non discriminazione e di non riduzione della retribuzione | Calcolo della retribuzione | Corresponsione della retribuzione | Riferimenti |

 

  Il principio sancito dall'art. 36 della Costituzione statuisce che il lavoratore ha diritto ad un compenso proporzionato alla quantità e alla qualità del suo lavoro sufficiente a garantire a lui e alla sua famiglia un'esistenza libera e dignitosa. In tale principio si inserisce il concetto di retribuzione quale corrispettivo della prestazione fornita dal lavoratore subordinato. La retribuzione è definita a seconda delle professioni esercitate: salario, stipendio, paga, compenso.  Il contratto di lavoro subordinato è sempre a titolo oneroso vi sono però rapporti che presentano aspetti comuni con quello di lavoro subordinato, ma che si distinguono dallo stesso per la gratuità della prestazione; trattasi del lavoro familiare e del rapporto di volontariato. La retribuzione è determinata liberamente dalle parti, nel rispetto di un limite minimo  che la giurisprudenza, sulla base del principio costituzionale di retribuzione sufficiente, ha individuato nel concetto di paga base fissato dai contratti collettivi.   A far data dal 1° luglio 2018 i datori di lavoro o i committenti corrispondono ai lavoratori la retribuzione, nonché ogni anticipo di essa, attraverso una banca o un ufficio postale con uno dei seguenti mezzi: a) bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal...

Leggi dopo