Bussola

Naspi

11 Dicembre 2017 |

Sommario

Inquadramento | La durata e la domanda | ll calcolo dell’indennità | Il contributo delle imprese al finanziamento della Naspi | La liquidazione anticipata della Naspi - autoimprenditorialità | Accredito dei contributi figurativi | Lavoratori stagionali | Riferimenti |

 

Il 1° maggio 2015 entra  in vigore la Nuova Assicurazione sociale per l’impiego, con la funzione di garantire una indennità mensile di disoccupazione ai lavoratori che abbiano perduto l’occupazione lavorativa in modo non volontario. Sostituisce l’ASpI (Legge Fornero) dalla quale mutua gran parte delle regole.   Perché  sia riconosciuto il diritto alla ASpI è necessario che sussistano alcune condizioni essenziali: condizioni soggettive perdita involontaria dell’occupazione; permanere dello stato di disoccupazione per tutto il periodo in cui si beneficia della Assicurazione; condizioni contributive nei 4 anni precedenti l’inizio della disoccupazione il lavoratore disoccupato deve avere almeno 13 settimane di contributi versati; nei dodici mesi precedenti l’inizio della disoccupazione il lavoratore disoccupato deve avere lavorato per almeno 30 giornate effettive.   Il lavoratore ha diritto alla Naspi:  quando perde involontariamente l'occupazione. Il lavoratore ha diritto alla Naspi: quando l'occupazione viene persa a seguito di risoluzione consensuale (conciliazione presso la DTL originata da un licenziamento per motivi oggettivi).   Il lavoratore ha diritto alla Naspi: quando, nel corso del periodo in cui usufruisce del diritto, sussiste il perdurare dello stato di disoccu...

Leggi dopo