Bussola

LUL

27 Ottobre 2015 |

Sommario

Inquadramento | Introduzione | Soggetti/Aziende obbligati ed esclusi alla tenuta del LUL | Soggetti/lavoratori che devono essere iscritti nel LUL | I dati da registrare nel LUL | Soggetti abilitati alla tenuta del LUL | Modalità di tenuta del LUL | Regime sanzionatorio | Omesse registrazioni sul LUL | Infedeli registrazioni sul LUL | Tardiva o mancata consegna del LUL | Riferimenti |

 

I datori di lavoro privati, dal 1° gennaio 2009, sono tenuti obbligatoriamente alla tenuta del LUL acronimo di Libro Unico del Lavoro, in sostituzione dei Libri matricola e paga.
Nel LUL, istituito dall’art. 39 del D.L. 112/2008, vengono annotati tutti i lavoratori dipendenti compresi i lavoratori con contratto di somministrazione e distaccati, i collaboratori coordinati e continuativi e gli associati in partecipazione.
È il libro comprovante il rapporto di lavoro dipendente, l’ammontare della retribuzione corrisposta e le relative ritenute previdenziali e fiscali operate ai singoli lavoratori.
Le modalità ed i tempi di tenuta e conservazione del LUL, sono stati disciplinati dal DM 9 luglio 2008, in attuazione del comma 4 dell’art. 39 del decreto.
Successivamente il Ministero del Lavoro con la Circolare n. 20 del 21 agosto 2008, ha diramato i primi chiarimenti connessi alla istituzione, tenuta e conservazione del LUL. L’INAIL ha diffuso le precisazioni di propria competenza inizialmente con la Nota operativa del 4 settembre 2008, prot. 6992 ed in seguito con la Nota operativa del 10 settembre, prot. 7095 e Nota operativa del 19 settembre 2008, prot. 7357.
In materia di illeciti ed attività di vigilanza, il Ministero del Lavoro ha fornito importanti chi...

Leggi dopo