Bussola

Emersione di lavoratori extracomunitari

Sommario

Introduzione | Nulla Osta | Sulla regolarizzazione | Riferimenti |

 

L’instaurazione del rapporto di lavoro di cittadini extra comunitari è disciplinato dal Testo Unico sull’immigrazione (D.Lgs. n. 286/98) e dal regolamento di attuazione  (D.P.R. n. 394/99). Fondamentale per il cittadino extracomunitario che voglia soggiornare in Italia per motivi di lavoro è l’ottenimento del permesso di soggiorno attraverso diversi iter a seconda che il rapporto di lavoro si instauri a tempo indeterminato, determinato, stagionale. Annualmente attraverso un decreto (cd. decreto flussi) viene determinato il numero di stranieri ammessi in Italia a svolgere un lavoro subordinato (ad eccezione di particolari lavori). La procedura attraverso i flussi è valida solo per l’ottenimento del primo permesso di soggiorno (primo ingresso in Italia). Qualora il cittadino extracomunitario risieda in Italia in forza di un permesso di soggiorno rilasciato anche per motivi diversi dal lavoro subordinato, può esercitare l’attività di lavoro subordinato utilizzando o convertendo il proprio permesso di soggiorno.   Instaurazione del rapporto di lavoro Il lavoratore che risiede all’estero per entrare regolarmente in Italia deve essere in possesso: del permesso di soggiorno, del nulla osta al lavoro. Il rilascio di un permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno e la perm...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento