Bussola

DURC

13 Febbraio 2017 |

Sommario

Inquadramento | Aspetti normativi | Disciplina e contenuto | Richiesta del DURC | Semplificazioni introdotte dal "Decreto del Fare" | Intervento sostitutivo della stazione appaltante | Verifica di irregolarità fiscale | Il nuovo sistema di verifica della regolarità contributiva dopo il D.M. 30 gennaio | DURC on-line | Regolarizzazione in caso di esito negativo del DURC | DURC on-line e procedure concorsuali | Ipotesi di esclusione del DURC on-line | Il DURC on-line per le Imprese dei settori delle Spettacolo e dello Sport professionistico | Novità 2017 | Riferimenti |

 

  Il documento unico di regolarità contributiva (DURC) è il documento mediante il quale gli enti previdenziali ed assicurativi attestano la regolarità degli adempimenti dovuti nei loro confronti dall’impresa. Per i lavori edili privati soggetti al rilascio del permesso di costruire o alla denuncia di inizio attività (DIA), sostituita dal 31 luglio 2010 dalla segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), le imprese committenti sono obbligate a richiedere il DURC all’impresa. La mancata regolarità contributiva, infatti, sospende l’efficacia del titolo abilitativo per cui si è richiesto il DURC.   Il documento di regolarità contributiva rappresenta oggi lo strumento necessario a certificare la regolarità di un operatore economico presso gli istituti INPS, INAIL e le Casse Edili verificata sulla base della rispettiva normativa di riferimento.    La Legge n. 266/2002 e successive modificazioni e integrazioni prevede l’obbligo di presentazione del DURC da parte delle imprese affidatarie di un appalto pubblico e dalle imprese che gestiscono servizi ed attività in convenzione o concessione.   Il mancato rilascio del DURC comporta, nei casi sopra descritti, la revoca dell’affidamento ovvero la revoca della convenzione (o concessione).   Il codice dei contratti pubblici relativi a...

Leggi dopo