Bussola

Distacco

Visualizzazione ZEN

Sommario

Inquadramento | Nozione | Sistema sanzionatorio | La disciplina del rapporto di lavoro a distacco | Le parti del rapporto di distacco | Obblighi assicurativi | Il distacco comunitario | Riferimenti |

 

Scheda in fase di aggiornamento autorale di prossima pubblicazione           Il distacco si verifica nel momento in un datore di lavoro (distaccante) per proprio interesse mette a disposizione in modo temporaneo uno o più lavoratori a disposizione di altro soggetto (distaccatario), per eseguire una determinata attività produttiva. La disciplina del distacco è stata oggetto di una lunga evoluzione giuridica che ha portato ad escludere il divieto di intermediazione nelle prestazioni di lavoro attraverso un istituto che qualifica lecito il rapporto di distacco tra lavoratore, datore di lavoro e terzo beneficiario. Il distacco, così come concepito dal D. Lgs. n. 276/2003, è una forma di decentramento produttivo attuata dal datore di lavoro per soddisfare un proprio interesse. Il distacco si applica solo ai datori di lavoro privati (art. 1, comma 2, D. Lgs. n. 276/2003). Per le Pubbliche amministrazioni e nelle imprese collegate si dà luogo non al distacco ma all'istituto dell'applicazione. Pertanto, il "distacco" di un lavoratore disposto dal datore di lavoro presso altro soggetto, destinatario delle prestazioni lavorative, è configurabile e attuabile sulla base di due presupposti fondamentali: interesse organizzativo del distaccante e temporaneità del rapporto. La figura del dist...

Leggi dopo