Bussola

Contratto di lavoro

09 Gennaio 2015 |

Sommario

Inquadramento | Premessa | Contratto di lavoro | Obblighi di informativa del datore di lavoro | Fac-simile lettera di assunzione | Periodo di prova | Contratto nullo o annullabile | Riordino contratti di lavoro | Riferimenti |

 

Le imprese che hanno necessità di avvalersi di un collaboratore personale e professionale, devono collocare il conseguente rapporto di lavoro all’interno delle due tipologie contrattuali previste dall’ordinamento giuridico italiano e cioè del contratto di lavoro subordinato o del contratto di lavoro autonomo. Il rapporto di lavoro c.d. subordinato è un accordo tra le parti, lavoratore e datore di lavoro, i quali si obbligano reciprocamente da un lato a prestare la propria opera alle dipendenze e sotto la direzione del datore di lavoro, dall’altro a corrispondere una determinata retribuzione.   L’art. 36 della Costituzione sancisce il diritto del lavoratore a vedersi corrispondere una retribuzione proporzionata al lavoro svolto e in ogni caso idonea a garantire una esistenza dignitosa al lavoratore e alla sua famiglia. I rapporti di lavoro subordinato, generalmente, sono regolati dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL), stipulati a livello nazionale tra le parti sociali che si accordano tra loro. L’atto costitutivo del rapporto di lavoro è il contratto individuale (riassunto nella lettera di assunzione) che viene disciplinato dalla normativa del codice civile (art. 1325 e seguenti).   Il lavoratore autonomo è invece definito dall’art. 2222 del codice civile, ovvero ...

Leggi dopo