Quesiti Operativi

Variazione del CCNL

È possibile la variazione del CCNL “Credito” in CCNL “Commercio” (posto che la scadenza del CCNL Credito è il 31 dicembre 2018 e che l’inquadramento previdenziale dell’azienda è nel ramo terziario e non in quello creditorio e assicurativo) con decorrenza 1 gennaio 2019 per l’applicazione ai nuovi assunti? La variazione può essere oggetto di contestazione per gli organi ispettivi?

 

 

 

 

 

L'applicazione del CCNL è da sempre argomento molto dibattuto; l'utilizzo di un settore piuttosto che un altro dipende dalla sfera di applicazione, dalle sigle firmatarie e dall'iscrizione o meno ad associazioni datoriali.

 

Tutte queste caratteristiche possono influenzare la scelta di uno o l'altro CCNL.

 

 

Un cambio di Contratto Collettivo può essere fatto in qualsiasi momento, attraverso un’attività di armonizzazione tra i livelli dell'uno e dell'altro e attraverso la stabilizzazione delle caratteristiche previste nel precedente riferimento in maniera da non rendere il passaggio peggiorativo per i dipendenti in forza.

 

 

 Per rafforzare l'armonizzazione applicata tale accordo dovrà essere fatto in sede sindacale così da garantire il personale dipendente e non incorrere in future contestazioni.


 


 

 

Leggi dopo