Quesiti Operativi

Otd agricoltura e proroghe

 

I contratti a tempo determinato stipulati in agricoltura risultano esclusi dall’applicazione dell’art. 29, co. 1, lett. b del D.Lgs. n. 81/2015 e, pertanto, si rimanda la loro applicazione alla contrattazione collettiva. Nel settore agricolo, in base a quanto disposto dalla contrattazione collettiva, l'assunzione di operai può avvenire con contratto di lavoro a termine: a) per l'esecuzione di lavori di breve durata, stagionali o a carattere saltuario, o per fase lavorativa, o per la sostituzione di operai assenti per i quali sussista il diritto alla conservazione del posto; b) per l'esecuzione di più lavori stagionali e/o per più fasi lavorative nell'anno, con garanzia di occupazione minima superiore a 100 giornate annue, nell'arco di 12 mesi dalla data di assunzione; c) per l'impiego di durata superiore a 180 giornate di effettivo lavoro, da svolgersi nell'ambito di un unico rapporto continuativo. In base a quanto esposto sopra, si richiede se sia possibile l’istituto della proroga per i contratti a tempo determinato in agricoltura e, in caso di risposta affermativa, quante proroghe possono essere effettuate.

Leggi dopo