Quesiti Operativi

Lavoro domestico, ancora possibile il pagamento in contanti

 

La Legge di Bilancio 2018, a partire dal 1° luglio 2018, prevede il divieto di pagare in contanti i dipendenti/collaboratori. Tuttavia, esso non è previsto per gli addetti a servizi familiari e domestici. L’art. 1, al comma 912, stabilisce inoltre che “la firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituisce prova dell'avvenuto pagamento della retribuzione". I lavoratori domestici, dunque, possono essere pagati in contanti? La firma non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione?

Leggi dopo

Le Bussole correlate >