Quesiti Operativi

Contratto a termine scaduto e assunzione intermittente

È possibile assumere un lavoratore con contratto di lavoro intermittente, successivamente alla scadenza di un contratto a termine con il medesimo lavoratore, senza rispettare gli intervalli temporale fissati dalla normativa vigente ed evitare la nullità per frode di legge, ex art. 1344 c.c., prospettata dal Ministero del Lavoro, interpellato sul caso?

 

 

La qualificazione di un contratto in frode alla legge ai sensi dell’art. 1344 c.c. è rimessa in ultimo alle valutazioni del giudice. La valutazione deve essere fatta in merito sia alle intenzioni, che all'effettivo comportamento tenuto.

 

 Il Ministero del Lavoro sostiene che l'art. 1344 è applicabile se il nuovo contratto intermittente non presenta quelle condizioni di occasionalità e sporadicità proprie della tipologia contrattuale.

 

Esemplificando, se il nuovo contratto intermittente, successivo al contratto a termine "ordinario", mantiene pressoché lo stesso orario del precedente, ci troviamo quasi sicuramente di fronte ad un contratto operato solamente per eludere una norma imperativa.

 

Non si può quindi definire un’automaticità nel richiamo all'art. 1344 del c.c., ma lo stesso deve essere valutato in base alle oggettive e riscontrabili esigenze ed all'effettivo svolgimento della prestazione.

 

Leggi dopo

Le Bussole correlate >