Quesiti Operativi

Collaboratore familiare di Srl unipersonale: retribuzione

 

L’unico amministratore ed unico socio di una Srl uninominale, svolgente l'attività commerciale di Bar, ha inserito nell'attività lavorativa il figlio maggiorenne come collaboratore familiare, agganciandolo alla sua personale posizione INPS nella gestione previdenziale dei commercianti e pagando, così, sia i contributi previdenziali INPS che gli oneri assicurativi INAIL per la sua posizione lavorativa all'interno dell'azienda. Trovata la collocazione previdenziale e assicurativa per il figlio del legale rappresentante della società all'interno dell'azienda, come possono essere giustificati a livello fiscale i compensi che mensilmente il figlio dovrà percepire per il lavoro svolto all'interno dell'azienda: attraverso una "busta paga", inserendo come imponibile il compenso stabilito fra padre e figlio, decurtandolo degli oneri fiscali di sua competenza (ma non previdenziali in quanto iscritto nella gestione dei commercianti)? Il tutto giustificato da apposito verbale che verrà trascritto nei relativi libri sociali della società o non vi è possibilità di detrarre questo compenso?

Leggi dopo