News

Recupero dello sgravio contributivo per contratti di solidarietà: istruzioni

Le imprese ammesse allo sgravio dei contributi previsto in caso di stipula di contratti di solidarietà (art. 6 DL 510/96 conv. in L. 608/96), i cui periodi di CIGS per solidarietà risultano conclusi entro il 31 marzo 2019, possono recuperare il beneficio effettuando il relativo conguaglio in Uniemens.

 

L'elenco delle imprese interessate è allegato alla presente Circolare: le aziende non indicate nell'elenco saranno autorizzate dall'INPS ad operare i conguagli con successive Circolari.

 

Calcolo riduzione contributiva

Possono essere conguagliate solo le somme effettivamente spettanti, calcolate sulla base delle seguenti indicazioni:

  • la riduzione contributiva deve essere applicata sui contributi versati per ciascun dipendente interessato all'abbattimento dell’orario di lavoro, come stabilito nel contratto di solidarietà;
  • il beneficio della riduzione contributiva deve essere rapportato a ciascun periodo di paga ricompreso nell’arco temporale di autorizzazione alla fruizione del beneficio stesso;
  • le riduzioni contributive sono applicabili nel periodo cui si riferisce la denuncia contributiva, in relazione all'orario di lavoro effettuato da ogni lavoratore. Per ogni mese i datori di lavoro hanno diritto alla riduzione del 35% sulla parte dei contributi a loro carico per ogni lavoratore che, in detto mese, abbia un orario ridotto in misura superiore al 20% rispetto a quello contrattuale.

 

Operazioni di conguaglio

Le imprese interessate, per esporre nel flusso Uniemens le quote di sgravio spettanti per il periodo autorizzato, devono valorizzare:

  • l'elemento<CausaleACredito>, inserendo il codice causale di nuova istituzione “L943”, avente il significato di “Arretrato conguaglio sgravio contributivo per i CdS stipulati ai sensi dell’art. 1 del DL 30 ottobre 1984, n. 726 (L. 863/1984), nonché dell’art. 21 c. 1, lett. c) D.Lgs. 148/2015, anno 2018”;
  • l’elemento <ImportoACredito>, indicando il relativo importo.

 

Le operazioni di conguaglio devono essere effettuate entro il 17 febbraio 2020.

Leggi dopo