News

Partite IVA, nuovi alert dell’Agenzia delle Entrate

In arrivo nuovi alert per i soggetti titolari di Partita IVA per i quali emergono delle differenze tra il volume d’affari dichiarato e l’importo delle operazioni comunicate dai contribuenti e dai loro clienti all’Agenzia delle Entrate.

A prevederlo è un Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate pubblicato l’8 ottobre 2018 (Provv. Protocollo n. 237975/2018).

 

 

La nuova prassi, da inserire nell’alveo delle comunicazioni per la promozione dell’adempimento spontaneo, detta le modalità con le quali sono messe a disposizione del contribuente e della Guardia di Finanza, anche mediante l’utilizzo di strumenti informatici, le informazioni derivanti dal confronto con i dati comunicati, dal contribuente e dai suoi clienti soggetti passivi IVA, all’Agenzia delle Entrate ai sensi dell’art. 21 del D.L. n. 78/2010, nella versione vigente fino al 23 ottobre 2016, da cui risulterebbe che lo stesso abbia omesso, in tutto o in parte, di dichiarare il volume d’affari conseguito.

 

 

Gli alert, trasmessi allo scopo di consente al contribuente di poter fornire elementi, fatti e circostanze dalla stessa non conosciuti in grado di giustificare la presunta anomalia ovvero di porre rimedio agli eventuali errori o omissioni, mediante l’istituto del ravvedimento operoso, vengono inviati alle PEC attivate dai contribuenti (in caso di PEC non attiva, per posta ordinaria) e caricati nel “Cassetto fiscale” all’interno dell’area riservata del portale informatico dell’Agenzia delle Entrate.

Leggi dopo