News

Gestione dipendenti pubblici: aggiornamento della “Regolarizzazione contributiva”

L’INPS comunica l’aggiornamento dell’attuale procedura di “Regolarizzazione contributiva” per la Gestione dipendenti pubblici (Messaggio 9 maggio 2019, n. 1779).

La regolarizzazione è effettuata dall’operatore sui fascicoli elettronici predisposti dalle Strutture territoriali INPS; sono infatti stati eliminati i c.d. cicli elaborativi. L’ente successivamente può emettere la nota di debito relativa alla regolarizzazione, con gli importi richiesti per ciascun dipendente dell’amministrazione.

 

Accedendo al servizio web “Note di debito”, aggiornata con la funzione di visualizzazione per tutti gli utenti, l’ente può consultare i dettagli dei calcoli effettuati, dai quali scaturiscono:

  • le partite contributive a debito;

  • le partite contributive a credito;

  • gli esiti della compensazione.

 

Una volta ricevuta la nota di debito, l’ente avrà 90 giorni per pagare l’importo dovuto o effettuarne la contestazione (esclusivamente accedendo al servizio “Note di debito”).

Non è possibile effettuare la contestazione per più di due volte sullo stesso nominativo.

I nominativi oggetto di contestazione verranno espunti dalla nota di debito iniziale e saranno oggetto di una nuova lavorazione da parte delle Strutture competenti.

 

Fino alla completa migrazione sul nuovo sistema, per le note di debito elaborate dall’applicativo “Sistemazioni contributive”, dovranno essere seguite le modalità di contestazione in uso per il precedente applicativo.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >