News

Esonero contributivo: utility per la verifica dei requisiti

I datori di lavoro sono esonerati dal versamento dei contributi previdenziali in relazione alle prime assunzioni di giovani con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a partire dal 1° gennaio 2018 (art. 1, co. 100-108 e 113-114, L. 27 dicembre 2017, n. 205).

 

Per il controllo del requisito richiesto per accedere all’esonero, ovvero l’assenza di rapporto di lavoro a tempo indeterminato in capo al lavoratore precedenti all’assunzione, è stata creata dall’INPS un’apposita utility a disposizione dei datori di lavoro e dei loro intermediari previdenziali.

 

L’utilizzo dell’applicazione permette, attraverso l’indicazione del codice fiscale del lavoratore, di conoscere se lo stesso abbia già avuto rapporti a tempo indeterminato e di conoscere la data di avvio del rapporto e del relativo identificativo.

 

Con il Messaggio n. 1784 del 9 maggio 2019, l’INPS comunica l’aggiornamento della procedura.

L’applicativo aggiornato consente:

  • la verifica dei periodi di paga mensili in cui è stata fruita dell’agevolazione, in caso di precedente esonero;

  • la verifica dei periodi di fruizione, nel caso in cui il lavoratore sia già stato assunto con agevolazione strutturale, al fine del calcolo dell’eventuale periodo residuo di esonero;

  • l’incrocio delle informazioni ricavabili dalle comunicazioni obbligatorie e dai flussi mensili per il calcolo del periodo di esonero spettante.

 

 

I datori di lavoro, per la consultazione dell’utility, dovranno provare di aver acquisito la dichiarazione del lavoratore sostitutiva dell’atto di notorietà sulla sussistenza di precedenti rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

 

 

L’applicativo è disponibile sul sito istituzionale dell’INPS, nella sezione “Tutti i servizi”.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >