News

Ape aziendale: dalla Fondazione Studi CdL le istruzioni per richiederlo

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, con la Circolare n. 13/2018, ha fornito le istruzioni per richiedere l’Ape aziendale, che consente ai datori di lavoro e agli altri soggetti designati dalla norma di aumentare, direttamente e senza costi aggiuntivi, la posizione assicurativa del proprio lavoratore attraverso una "dote contributiva", senza alcun aumento delle settimane contributive utili ad avere diritto alla pensione.

L'intervento, previsto dalla Legge di Bilancio 2018, si rivolge a tutti i lavoratori le cui aziende di appartenenza siano interessate da un piano di ristrutturazione aziendale.

 

Nel dettaglio, la Circolare specifica:

  • i destinatari dell’Ape aziendale;
  • i contenuti dell’accordo tra datore/ente bilaterale e dipendente da accludere alla richiesta di Ape aziendale;
  • le modalità per effettuare il calcolo del valore minimo dell’incremento del montante contributivo individuale;
  • le procedure di attivazione, di versamento e il codice tributo da utilizzare, con la precisazione che:
    • l’Ape aziendale può essere attivato dal datore di lavoro, da un ente o fondo bilaterale, in alternativa tra lordo e non cumulativo;
    • l’accordo di Ape aziendale dovrà essere allegato al modello di domanda dell’Ape volontario e sarà trasmesso all’INPS;
  • il costo dell’ape aziendale per il datore di lavoro, chiarendo che:
    • l’Ape dovrà aumentare direttamente il montante contributivo del soggetto beneficiario, sarà convertito in pensione lorda (Quota C), applicando i coefficienti di trasformazione vigenti al momento della decorrenza del trattamento;
    • la rata di prelievo dell’Ape, applicata dall’Istituto su 12 mensilità direttamente al momento della corresponsione della pensione, agirà sull’importo netto del trattamento pensionistico.
Leggi dopo