Focus

Le agevolazioni fiscali per il “rientro dei cervelli” dopo la Stabilità 2016

Sommario

Le norme sul “rientro dei cervelli” | Il regime speciale per i lavoratori “impatriati” | In conclusione | Guida all’approfondimento |

 

La Legge di Stabilità 2016 è intervenuta per prorogare, nel rispetto di determinate condizioni, i benefici fiscali riconosciuti dal 2011 dalla L. 30 dicembre 2010, n. 238, agevolando il rientro nel nostro Paese dei cittadini dell’Unione europea che, dopo aver risieduto continuativamente per almeno ventiquattro mesi in Italia, abbiano maturato all’estero esperienze umane, culturali e professionali. Tale disposizione rappresenta soltanto l’ultima di una serie di interventi legislativi che, sovrapponendosi nell’arco di un anno, hanno creato notevole confusione tra gli operatori del settore. Nonostante i numerosi accorgimenti, la legislazione applicabile ai soggetti “rimpatriati” non può dirsi ancora definita in tutti i suoi aspetti, attendendosi appositi provvedimenti che ne definiscano talune modalità operative.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >