Focus

L’APE volontario dopo i chiarimenti del D.P.C.M. n. 150/2017

Sommario

Introduzione | Il D.P.C.M. | Il procedimento | Un esempio di APE | L’APE volontario e l'APE sociale | L’APE volontario e la RITA | L'estinzione anticipata | Conclusioni |

 

La Legge di Stabilità 2017 all’art. 1, commi da 166 a 178, ha introdotto nel nostro ordinamento lo strumento sperimentale dell’APE volontario. L’APE ha come utilità quella di favorire la flessibilità in uscita dei lavoratori, permettendogli di andare in pensione in anticipo. In sostanza, si tratta di un anticipo pensionistico consistente in un prestito corrisposto mensilmente per i 12 mesi dell’anno fino alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia. L’Autore del presente Focus, dopo l'analisi del D.P.C.M. di riferimento illustra, anche con l’ausilio di un esempio, il procedimento per richiedere l’APE, l’integrazione con APE sociale e RITA, e conclude la propria disamina con le modalità per l’estinzione anticipata dell’APE volontario.

Leggi dopo