Focus

CIGS: prorogata nelle crisi di aree di crisi complessa

Sommario

Premessa | Proroga CIGS | Campo di applicazione | Durata | Criteri di autorizzazione e risorse finanziarie | Pagamento diretto dell'INPS | Presentazione istanze | Conclusioni |

 

Con la Circolare 24 marzo 2017, n. 7 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fornito utili chiarimenti in merito alla proroga, per l’anno 2017, dell’integrazione salariale straordinaria (CIGS) in favore delle imprese operanti in un'area di crisi industriale complessa, riconosciuta ai sensi dell’art. 27, D.L. n. 83/2012, convertito con modificazioni dalla L. n. 134/2012. A tal fine sono state destinate risorse finanziarie per un importo di 117 milioni di euro a carico del Fondo Sociale per Occupazione e Formazione, mediante utilizzo delle disponibilità in conto residui. Tali risorse sono state opportunamente ripartite alle 11 regioni interessate con Decreto Interministeriale (Lavoro-Economia) 5 aprile 2017, n. 12. La proroga della CIGS, che può avere una durata massima di 12 mesi, è rivolta esclusivamente a coloro che hanno già beneficiato a qualunque titolo di precedenti trattamenti di cassa integrazione guadagni straordinaria, conclusi nell'arco temporale 2016 - 2017, e si trovino, per quest’anno, nell'impossibilità di ricorrere ulteriormente a tale istituto.

Leggi dopo